di Lucinda Riley

Un romanzo delicato, sorprendente, umanamente coinvolgente. I personaggi, descritti con relativa dovizia a seconda del ruolo che occupano nell’intreccio principale, formano un incastro delizioso tra loro per creare una trama a tratti affatto scontata che tiene il lettore incollato alle pagine mentre le parole scorrono veloci.

Incontriamo Posy, dal suo ritratto di bimba tenera, entusiasta e allegra pian piano impariamo  a conoscere anche la donna determinata, indipendente, coraggiosa e premurosa che diventa. Un gioco di rimbalzo tra passato e presente che aiuta a mettere in ordine il puzzle della famiglia di Posy e degli amici ad essa correlati.

Una fotografia dell’Inghilterra degli anni 20 sino agli anni 70, un passeggiata tra le campagne inglesi sino alla Cornovaglia, luoghi di eccezionale bellezza che si mescolano e riflettono la meraviglia di cuori colmi di buoni sentimenti e buoni propositi di alcuni personaggi tra cui la stessa Posy ed altri quali suo figlio Nick, Freddie, il suo più grande amore, Sebastian, uno scrittore che imparerà ad aprirsi nuovamente alla vita e all’amore.

Un romanzo da non perdere se si è in cerca di un racconto di scorrevole lettura, intrigante e ricco di umane comprensioni. Una coccola con cui poter indulgere in tutto ciò che è buono senza sfociare in sterili ostentazioni.


Articolo precedenteChi trapassa il segno (Paradiso XXVI)
Articolo successivoI Del Balzo e il Ducato di Andria nel XIV e XV secolo
Mi chiamo Monica Fornelli e scrivo sin da piccolina. Sono una docente di francese appassionata di somatopsichica; lo stare bene per me è essenziale per cui da sempre scrivo per “ricrearmi” un mondo ideale in cui tuffarmi e potermi riequilibrare abbracciando me stessa e al contempo abbracciare virtualmente chi vorrà leggermi. Ho partecipato a vari concorsi nazionali e internazionali tra cui “Il Papavero d’Oro“, “Levante” indetto dalla rivista Radar Sei, “On the air”, “Nino Palumbo”, ottenendo vari riconoscimenti e menzioni in giornali locali come “la Gazzetta del Mezzogiorno“ e “Meridiano Sud”. Alcune mie poesie sono presenti in antologie quali “Fiori Amori” e “Le stagioni” ed. Barbieri; “Parole senza peso” ed. Writers, “Nitriti al vento“ ed. La Conca, “Il Federiciano” ed. Aletti. Nel 2011 è uscita la mia prima raccolta dal titolo “I colori della vita” (ed. Albatros) presentata anche alla fiera del libro di Torino.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.