Dopo una lunga stagione autunnale e invernale ecco la primavera: stagione del risveglio della natura, caratterizzata da un’esplosione di profumi, colori e fiori appena sbocciati.

Le giornate primaverili ci permettono di uscire e di ammirare il fascino della natura selvaggia e la bellezza creata dal lavoro dell’uomo: dagli alberi fioriti di pesco ai germogli di grano, agli ortaggi come finocchi, asparagi e legumi.

Il protagonista di questo articolo sarà la fava: legume molto caro e amato dai nostri nonni.

Tuttora le fave sono considerate purtroppo un legume di seconda scelta, perché consumate dai poveri, per il loro basso costo e facilità nella coltivazione.

La fava è un legume antichissimo che ha origine in Asia Minore. Il suo nome botanico è Vicia Faba e appartiene alla famiglia delle leguminose. Una volta che il fiore è stato fecondato si sviluppa il baccello, la cui lunghezza massima è di circa 20 centimetri, al suo interno ci sono circa cinque semi. La funzione del baccello è protettiva e funge da contenitore per i semi.

Le fave possono essere consumate fresche appena raccolte, oppure secche. Sono ricche di fibre indispensabili per le funzioni intestinali.

Tra tutti i legumi la fava è la meno calorica. 100 g di prodotto sprigiona circa 60 Kcal. La fava è un prezioso alleato della nostra salute: è ricca di proteine, fibre e vitamine A, B, K e sali minerali come il ferro (importante per gli anemici), potassio e magnesio. È indispensabile anche perché favorisce il drenaggio dell’apparato urinario.

Ecco perché le fave sia crude e sia cotte, non devono mai mancare sulle nostre tavole.

Vi presento alcune ricette e abbinamenti con le fave.

Fave fresche:

I nostri nonni erano ghiotti di fave fresche soprattutto abbinate con il formaggio. Vi consiglio uno spaghetto classico cacio e pepe servito su una vellutata di fave fresche in precedenza sgusciate, bollite e frullate. Il tutto decorato con delle fave intere sgusciate, lessate e spolverate da una macinata di pepe.

Pizza gourmet da provare anche a casa: crema di fave fresche con mozzarella. All’uscita aggiungetevi della stracciatella di Andria, fave fresche o bollite e capocollo.

Fave secche:

In piatto classico soprattutto nella nostra Puglia è “fave e cicorie”.

Ma possiamo anche provare a rompere gli schemi. Abbinare le fave con i prodotti ittici è qualcosa di straorinario. Vi consiglio di servire il risotto ai frutti di mare su una crema di purè di fave, con un filo di olio al Bergamotto e macinata di pepe bianco.

L’unica raccomandazione che mi sentito di dare è a chi dovesse soffrire di favismo: astenersi rigorosamente dal consumo di fave e piselli, potrebbero essere molto pericolosi.

Non mi resta che auguravi buon appetito!


LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.