«Ma nondimen, rimossa ogne menzogna, 
tutta tua vision fa manifesta; 
e lascia pur grattar dov’è la rogna»

(Paradiso XVII, vv.127-129)

Sedici canti prima di questo e sedici canti dopo: siamo nel canto centrale del Paradiso e nel terzo dei tre che hanno come protagonista Cacciaguida degli Elisei, una doppia coincidenza che, stando l’attenzione di Dante all’uso dei numeri, non può essere casuale.

Ed infatti è questo il momento della definitiva consacrazione della sua missione.

Già nel canto quindicesimo c’era stato un parallelismo tra la coppia Enea/Anchise e quella Dante/Cacciaguida. Qui, quel richiamo si fa esplicito: se Enea aveva potuto visitare l’oltretomba perché dai suoi discendenti sarebbe sorta Roma, Dante, con i suoi versi, dovrà contribuire alla riforma della Chiesa e dell’Impero. Per questa ragione, gli viene ufficialmente assegnato il compito di raccontare ciò che ha visto nei tre regni dell’oltretomba, in particolare in Inferno e Purgatorio: costi quel che costi.

Un suggerimento: non dobbiamo cadere nell’errore di leggere questi versi col senno di poi. Ora che la storia ha dato ragione al poeta fiorentino, ora che la sua vita si è infuturata (v.98) e la sua “Commedia” è stata battezzata come “Divina”, è facile concludere che Dante abbia fatto bene a non essere timido amico della verità (v.118). Ma è giusto non perdere di vista il contesto in cui questi versi sono stati pensati.

Chi scrive, è in esilio, con accuse infamanti, e, per scelta o costrizione, non rimetterà mai più piede nella sua Firenze: neppure da morto. Perché mai accetterà le condizioni umilianti, oggi le definiremmo un “patteggiamento”, che gli verranno prospettate per tornare a casa.

Nel 1315, i Guelfi Neri avevano offerto un’amnistia a chi si trovava in esilio. Eppure nell’Epistola XII, ad un amico, non si sa se personaggio reale o fittizio, che gli propone di cogliere l’opportunità di pagare una sanzione pecuniaria e passare una sola notte in prigione, pur di tornare libero cittadino nella sua città, il poeta risponde: «Se un’altra via prima o poi da voi o da altri verrà trovata, che non deroghi alla fama e all’onore di Dante, l’accetterò a passi non lenti; ma se per nessuna onorevole via s’entra a Firenze, a Firenze non entrerò mai». E con la sua solita spiazzante franchezza conclude: «E certamente non mi mancherà il pane».

Ecco, è questo il contesto del discorso di Cacciaguida, un annuncio “senza peli sulla lingua” del triste destino che i suoi concittadini riserveranno a Dante, una profezia post eventum (i fatti annunciati come futuri sono in realtà già accaduti nella sua vita), ben più esplicita delle vaghe allusioni di Farinata degli Uberti, Brunetto Latini e Oderisi da Gubbio.

Dante dovrà sperimentare quanto sa di sale il pane altrui, dovrà prima scendere (perché rifiutato) e poi di nuovo salire (per tornare a elemosinare ospitalità) le scale altrui, dovrà separarsi dai suoi stessi compagni di partito, in realtà una compagnia malvagia e scempia, e dovrà risolversi a vivere in solitudine, facendo parte per se stesso (vv.58-69).

Davanti alle sue comprensibili esitazioni, Cacciaguida esorta:

«Ma nondimen, rimossa ogne menzogna,
tutta tua vision fa manifesta;
e lascia pur grattar dov’è la rogna»

(Paradiso XVII, vv.127-129).

Ovvero, non basta che Dante resti tetragono ai colpi di sventura (v.24); la sua parola dovrà farsi vento che le più alte cime più percuote (v.133-4); Dante dovrà procacciarsi molti nemici, di quelli illustri e potenti, proprio nel momento in cui la sua vita, la sua famiglia, i suoi figli avranno più bisogno di soccorso, appoggio, protezione.

Una sorte avversa, che egli accetta a passi non lenti.

Certo, sarà anche accolto da mecenati, primo fra tutti Cangrande della Scala, sotto la cui ala troverà sostegno e sicurezza. A lui qui riserva un lungo panegirico e, come si legge nell’Epistola XIII, a lui sarà dedicata la terza cantica del Paradiso. Si direbbe: un atto più che dovuto, un omaggio quasi servile che non si addice alla fierezza del ghibellin fuggiasco.

Ma ci si provi a lasciare ogni cosa, a mettersi contro tutto e tutti, papi, signori e cardinali regnanti, e poi ditemi se quest’uomo non ha avuto coraggio, e se non sia stato capace di affrontare un cammino che è lo stesso che l’ha condotto fino a noi, qui ed oggi. E che, azzardo, continuerà ad aprirgli la strada del futuro.

Tucidide: «Il segreto della felicità è la libertà, e il segreto della libertà è il coraggio».

Gianni Rodari:

«È difficile fare

le cose difficili:

parlare al sordo

mostrare la rosa al cieco.

Bambini, imparate

a fare le cose difficili:

dare la mano al cieco,

cantare per il sordo,

liberare gli schiavi

che si credono liberi».

Serena Santorelli: «Qualcuno sceglie di vivere come può. Qualcun altro come deve. E poi c’è chi sceglie di vivere come crede… ma per quello ci vuole coraggio».


FontePhotocredits: pixabay.com liberamente rivistata da Eich
Articolo precedenteGiuseppe, figlio di Giacobbe
Articolo successivoL’estate di Achille
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba.Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...

2 COMMENTI

  1. Dante è nato Dante. Di poche o di molte parole a secondo dell’interlocutore. Un carattere per niente incline al compromesso ben sapendo quello che viene a costare un termini di tranquillità e di un percorso di vita degno di essere vissuto. Mi è piaciuto il commento al canto XVII del Paradiso. Chiaro e non di poco conto.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.