Doti e caratteristiche di un giocatore francese, fuoriclasse con i colori rossoneri

 Theo Bernard François Hernández (fuoriclasse d’oltralpe, nato a Marsiglia il 6 ottobre 1997) è un calciatore attualmente difensore del Milan. Egli è di lontane origini spagnole da parte di padre ed è il fratello minore di Lucas Hernández, anche lui giocatore, con la maglia del Bayern Monaco, con il ruolo di difensore.

Theo è mancino di piede e gioca principalmente come terzino sinistro. Possiede una notevole velocità, un’eccelsa forza fisica ed una buona tecnica, caratteristiche le quali gli permettono di essere un buon crossatore e un terzino più votato alla fase offensiva, che, però, risulta anche efficace in fase difensiva. Dopo un difficile inizio di stagione, dovuto all’infortunio alla caviglia (subìto nell’amichevole contro il Bayern Monaco, durante la tournée americana) e al non imminente inserimento nell’undici titolare del Milan, Theo è, successivamente, riuscito a conquistare il suo posto da titolare inamovibile nella formazione rossonera. In tal modo, egli ha potuto dimostrare le sue indubbie e straordinarie qualità e ha stabilito molteplici record.

L’attuale terzino sinistro titolare del Milan ha fatto registrare, per la prima volta nella sua carriera, il proprio nome tra i giocatori che hanno calcato il terreno di gioco per dodici partite consecutive, di cui undici da titolare.

Theo ha una media di dribbling riusciti di circa 2 a partita, divenendo uno dei difensori che ne ha realizzati più di tutti, in Serie A.

Hernández, con le attuali sei reti messe a segno, è il primo terzino rossonero ad aver segnato così tanti gol nella stagione d’esordio.

Il match contro il Bologna, ha fatto registrare il picco di velocità personale, 30,92 km/h.

Uno dei suoi scatti energici è stato persino eseguito oltre il 90’ minuto di gioco, dopo una partita giocata a ritmi elevati, nella quale ha anche segnato.

In tal modo, Hernández è, in poco tempo, divenuto uno dei beniamini più amati dal tifo rossonero, uno dei laterali sinistri più forti e più cercati in circolazione e si è, da subito, contraddistinto per le sue famose “galoppate” dalla zona difensiva alla zona offensiva del campo di gioco. Oltre ad aver siglato questi record, Theo ha, inoltre, ampi margini di miglioramento, soprattutto nella fase difensiva e nell’assistenza per i compagni. Questo fa pensare che Hernández, nel corso del tempo, grazie agli allenamenti, ai sacrifici, alla perseveranza, alla professionalità e ai preziosi consigli di un grandioso mentore quale Paolo Maldini, possa divenire uno dei più forti terzini al mondo, augurio che, certamente, fanno proprio, con la squadra, la società ed i tifosi del Milan.


Articolo precedenteTra Regno di Dio e Torre di Babele
Articolo successivoVenditti, che hai fatto?
Francesco Maria Cassano
Nato a Bari nel 2003, vive e frequenta il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” a Bisceglie. Si definisce un amante delle materie scientifiche, pratica il calcio amatoriale e l’attività fisica e tifa per il Milan, per il quale nutre una autentica venerazione. Ama il mare e la campagna, il buon cibo e la vita all’aria aperta. Musicalmente preferisce ascoltare brani italiani, in special modo quelli di Ultimo e Tommaso Paradiso, ma ascolta anche brani stranieri, come quelli di Shawn Mendes e Bruno Mars. Non rinuncia mai ad una serata in compagnia di amici, specie se sono quelli con i quali è facile parlare di sport ma anche di belle ragazze e di altri piaceri come quelli de la bonne vie. Desidera viaggiare e visitare in particolare le città d’arte. Scrive per esternare le sue passioni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.