E chi l’avrebbe mai detto che la notte prima degli esami sarebbe durata quattro mesi?

Il problema è che si rischia di dar ragione anche al grande Eduardo:

“Gli esami non finiscono mai!”

_  pallino umano  _

 


Articolo precedenteTheo, il goleador che non ti aspetti
Articolo successivoSignora, ciao triplete!
Avatar
Come quella del grande e indimenticato Massimo Troisi... O, se volete, come quella di un bambino che non vuol mangiare la verdura. Oppure come quella del babbo che vuol far divertire i figlioletti. Magari come quella del paziente dal dentista... Prendete tutte queste situazioni, aggiungetene molte altre, diciamo tante quante l'attualità sa offrirne, assoldate una brigata di abili e cinici osservatori, mescolate ben bene gli ingredienti, concentrate il tutto in una sola battuta e guarnite con abbondante ironia: ecco pronta "La smorfia", da servire ogni giorno sulle pagine di "Odysseo". Da assaporare subito, appena sfornata.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.