In Puglia, dove il 12,5%, degli adulti è obeso ed il 33.9% in sovrappeso l’Irccs “de Bellis” ha offerto colloqui nutrizionali gratuiti per il World Obesity Day

Lo scorso 4 marzo è stato dedicato alla ventesima edizione del World Obesity Day. Purtroppo l’obesità è divenuto un fenomeno molto frequente nell’odierna società, tanto da toccare tutti i Paesi più ricchi. Il fenomeno riguarda anche l’Italia. E in Puglia, come in molte regioni meridionali, i dati sono particolarmente allarmanti: da noi quasi un adulto su due ha problemi di peso, difatti fra la popolazione tra i 18 e i 69 anni il 12,5%, degli adulti è obeso, il 33.9% in sovrappeso (ultimi dati disponibili indagine Passi-Istituto Superiore di Sanità). L’Irccs “de Bellis” di Castellana, ha così deciso, di organizzare un open-day nel suo Ambulatorio di nutrizione clinica, che da 10 anni vanta la presenza di un gruppo scientifico multidisciplinare di medici, biologi nutrizionisti e dietiste.

C’è, dunque, da fronteggiare il preoccupante quadro generale: secondo i report, negli ultimi trent’anni l’incidenza del sovrappeso nel Bel Paese è aumentata del 30%, dell’obesità del 60%. Gli adulti fanno scarso esercizio fisico, mangiano poca frutta e verdura e 4 italiani su 10 sono in lotta con la bilancia, soprattutto proseguendo con l’età; infatti, tra gli over 65 i problemi di peso riguardano quasi 6 persone su 10. Superati i 75 anni il problema si riduce e aumenta, invece, quello della perdita di peso involontaria (8%), che predispone a fragilità delle ossa. La sedentarietà è più frequente all’avanzare dell’età, fra le donne e fra le persone con uno status socioeconomico più svantaggiato o con basso livello di istruzione.

Il Direttore generale del presidio ospedaliero, Tommaso Stallone evidenzia: “Le attività di prevenzione e cura dell’obesità e del sovrappeso sono centrali nei programmi di educazione alimentare e nel percorso di gestione del peso corporeo e modifica dello stile di vita del nostro Ambulatorio di nutrizione. Negli ultimi cinque anni abbiamo visitato circa 4000 pazienti, dei quali ben il 74% era obeso e il 21% in sovrappeso. Il dato confortante è che un intervento dietetico bilanciato seguito per sei mesi, abbinato a una moderata attività fisica, si traduce in una modifica delle abitudini alimentari e dello stile di vita, fruttando una riduzione del peso corporeo con passaggio da livelli di obesità grave o moderata a obesità lieve o al sovrappeso”.

Maria Gabriella Caruso, dirigente medico dell’Ambulatorio nutrizione medica dell’Irccs, afferma che: “Durante questo ultimo anno, complice il lockdown e la maggior permanenza in famiglia, da un lato è aumentata la sedentarietà e quindi l’incremento ponderale, dall’altra è emersa con forza la consapevolezza dei genitori della propria responsabilità nell’educazione alimentare dei figli e nell’adozione di stili di vita salutari: oggi lo stimolare l’ambiente socio-familiare in chiave prevenzione è fondamentale per la comunità”.

Gianluigi Giannelli, Direttore scientifico del De Bellis, ne dà conferma: “Se si guarda all’impatto del Covid-19, l’obesità è una delle cause più frequenti di comorbilità nei deceduti per coronavirus, che spesso si accompagna a ipertensione, diabete e a un sistema immunitario meno efficiente. Le proiezioni sono allarmanti: nel 2030 rischiamo, infatti, di assistere al raddoppio della prevalenza di obesità, che sommata al sovrappeso, costituirà circa il 70% della popolazione: con un enorme impatto clinico ed economico, essendo l’obesità responsabile di alcune forme di tumore, del diabete e di malattie cardiovascolari”.

Non resta, dunque, che evidenziare questo importante gesto compiuto dall’Irccs de Bellis, in un periodo decisamente complesso, nel quale qualsiasi tipo di aiuto, per chi ne necessita, è sicuramente ben accetto.


Articolo precedenteUNA CONFERENZA PER RIPENSARE L’EUROPA
Articolo successivo21 marzo, XXVI Giornata della memoria e dell’impegno
Francesco Maria Cassano
Nato a Bari nel 2003, vive e frequenta il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” a Bisceglie. Si definisce un amante delle materie scientifiche, pratica il calcio amatoriale e l’attività fisica e tifa per il Milan, per il quale nutre una autentica venerazione. Ama il mare e la campagna, il buon cibo e la vita all’aria aperta. Musicalmente preferisce ascoltare brani italiani, in special modo quelli di Ultimo e Tommaso Paradiso, ma ascolta anche brani stranieri, come quelli di Shawn Mendes e Bruno Mars. Non rinuncia mai ad una serata in compagnia di amici, specie se sono quelli con i quali è facile parlare di sport ma anche di altri piaceri come quelli de la bonne vie. Desidera viaggiare e visitare in particolare le città d’arte. Scrive per esternare le sue passioni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.