Rilasciati 1200 brevetti da sub per una passione che non conosce confini

L’ultima iniziativa è stata domenica 7 giugno, in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani. Il gruppo del Centro subacqueo Andria, capitanato dall’istruttore Giuseppe Bartolomucci, ha voluto partecipare, con circa venti unità, per  ripulire un bellissimo tratto di spiaggia pugliese, esattamente a Cala Incina, tra Polignano a Mare e Monopoli, dall’invadenza dei rifiuti.

Ebbene, a questo punto, è necessario raccontare come l’amore per il mare abbia influenzato tanti residenti di una città dell’entroterra, qual è appunto Andria: tutto nasce nel 1998, quando, per iniziativa di Giuseppe Bartolomucci, giovane subacqueo andriese, nasce il Centro subacqueo andria.

Una passione, quella di Giuseppe, per il mare e tutte le attività ad esso legate, che lo portano, nel  1986, ad ottenere il brevetto di sub.

Questo amore per il mare lo porta a trasformare il negozio di famiglia, di vendita di articoli sportivi al quartiere di Santa Maria Vetere, ad Andria, non solo in un polo specializzato per la vendita di attrezzatura subacquea, ma anche in uno sportello dove poter partecipare a dei corsi per il rilascio del brevetto di sub.  Corsi che, è bene sapere, hanno portato fino ad oggi ad Andria al rilascio di ben 1200 brevetti, solo a cittadini residenti nella città Fidelis, per non parlare di tante persone che hanno partecipato a dette iniziative provenienti da altre città del circondario.

Questa attività sportiva, sviluppandosi, ha condotto Giuseppe ed i suoi amici a praticare immersioni non solo nelle vicine città come Trani e Bisceglie ma anche in altri posti marini di particolare richiamo naturalistico. Con le immersioni marine si è sviluppata sempre più l’ammirazione nei confronti della bellezza dell’habitat naturale e, con le scoperte e le escursioni, hanno avuto origine le prime campagne per la pulizia dei fondali dai rifiuti lasciati dall’uomo.

“Il nostro obiettivo, come Centro Sub Andria – sottolinea Giuseppe Bartolomucci – è stato, sin da subito, quello di divulgare le conoscenze subacquee a quante più persone possibile, sia normodotati che diversamente abili, in quanto l’attività subacquea  è rivolta a tutti grazie alla nuova didattica ed alle nuove attrezzature oggi presenti. Il Centro sub Andria collabora continuamente con Legambiente, con il WWF ed i subacquei di questo centro eseguono, ogni volta che effettuano  immersioni, la pulizia del fondale marino. Abbiamo anche organizzato alcuni Presepi subacquei, tre edizioni del carnevale subacqueo (di cui due a Trani e una a Polignano a mare) ed alcune divertenti caccie al tesoro subacquee. Il territorio in cui operiamo è, in primis, quello della Puglia, ma, ormai, eseguiamo immersioni  anche in zone territoriali circostanti.

Diversi sono i nostri tipi di immersioni: si va da quelle, così dette, ricreative a quelle in grotta, nei relitti, nei laghi, per passare a immersioni di archeologia e biologia subacquea, queste ultime svolte prevalentemente nel Mar Piccolo, a Taranto, dove ci sono i cavallucci marini ( gli  hippocampus) per i quali arriva gente ad ammirarli da tutte le parti d’Italia. Andria, trovandosi a ridosso della costa, si trova in una posizione molto privilegiata perché dista solo poche centinaia di chilometri da siti di incomparabili bellezza ed interesse. Pensate che a Torre Canne vi è un famoso relitto, un mercantile turco, affondato alla profondità di circa 40 metri, mentre un’altra nave gemella si trova vicino Torre Vado, ad una minore profondità. Altro relitto da noi visitato è un sommergibile che si trova ad una profondità di circa 40 metri, sul litorale di Barletta. A queste suggestive esplorazioni si aggiungono quelle naturali, rappresentate dalle diverse grotte che si trovano lungo la costa pugliese, sia tra quelle, così dette, passanti, sia quelle chiuse tra Polignano ed il Salento. Spettacoli unici e suggestivi, che ci fanno comprendere la bellezza della Natura e l’importanza di preservare anche l’equilibrio con le attività dell’uomo”.


Articolo precedente Q di Quiete
Articolo successivoNon sciupare la separazione
Francesco Maria Cassano
Nato a Bari nel 2003, vive e frequenta il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” a Bisceglie. Si definisce un amante delle materie scientifiche, pratica il calcio amatoriale e l’attività fisica e tifa per il Milan, per il quale nutre una autentica venerazione. Ama il mare e la campagna, il buon cibo e la vita all’aria aperta. Musicalmente preferisce ascoltare brani italiani, in special modo quelli di Ultimo e Tommaso Paradiso, ma ascolta anche brani stranieri, come quelli di Shawn Mendes e Bruno Mars. Non rinuncia mai ad una serata in compagnia di amici, specie se sono quelli con i quali è facile parlare di sport ma anche di belle ragazze e di altri piaceri come quelli de la bonne vie. Desidera viaggiare e visitare in particolare le città d’arte. Scrive per esternare le sue passioni.