Poesia di Luca Cipolla

Inesorabile

ti succede e

legge il tuo numero di maglia;

niente ti compete

ed a nessuno più appartieni;

chi t’ha creato era sventato,

lasci intendere a un dio

che incede lungo la scarpata.

Desti la terra,

ali di gelsomino

assume l’aria

quando severa t’investe la sera;

ma tu incurante

non ascolti le tenebre

né ti scompone il freddo

senza voce

che sgretola le ossa

dall’elegante carro

che scruti sussultando

quale insetto

parco di memorie

a eriger altari di pietra

ove inesorabile affonda.

 

EREMITUL (in lingua romena)

Inexorabil

te succedă şi

citeşte numărul tău de tricou;

nimic nu îţi incumbă

şi la nimeni nu mai aparţii;

cine te-a zămislit era uşuratic,

dai de înţeles unui zeu

care avansează de-a lungul taluzului.

Trezeşti pământul,

aripi de iasomie

ia aerul

când severă seara te înveleşte;

dar tu nepăsător

nu asculţi beznele

nici nu te tulbură frigul

fără glas

care scorojeşte oasele

dinspre carul elegant

pe care îl scrutezi tresărind

ca o insectă

frugală a amintirilor

înălţând altare de piatră

unde inexorabil se cufundă.


Articolo precedenteTrigliceridi: rischi e prevenzione
Articolo successivoEzio Bosso. La grazia dei sentimenti
Luca Cipolla
Nato a Milano, nel 1975, vive a Cesano Boscone. Poeta e traduttore bilingue italiano-romeno, è redattore delle riviste “Sfera Eonică” e “Regatul Cuvântului”, di Craiova (Romania). Collaboratore anche con le riviste “Boema” e “Climate Literare”, nonché con la rivista internazionale online “Starpress”. Ha pubblicato, insieme a Melania Cuc, la raccolta poetica Monadi, Editura Karuna, Bistrița 2014. Vincitore di numerosi premi letterari, le sue poesie sono state pubblicate in molteplici volumi collettivi e antologie, ottenendo decine di lusinghiere recensioni.