Una festa a 5 sensi!

Non conosci la Puglia se non ne assapori i gusti: una vera festa per i tuoi 5 sensi!

Il Mediterraneo è casa nostra, del resto la nostra terra si insinua tra l’Adriatico e lo Ionio sino a guardare alle isole greche e… oltre!

Che scegliate il Salento, il Gargano o la Murgia, troverete ricette per tutti i gusti, sia che siate vegetariani, sia che amiate la carne o il pesce: il nostro patrimonio enogastromico è così ricco e variegato che non teme confronti.

Ovviamente, nei 258 Comuni paesi, anzi: in ogni singola contrada, troverete una declinazione diversa di ricette antiche e sempre nuove.

Insomma, la Puglia non è solo “orecchiette e cime di rapa” (anche se vi consigliamo di assaggiarle: non le scorderete più!).

La carne alla brace o le specialità a base di pesce sono il nostro forte, ma vogliamo parlare della parmigiana, del piatto “riso patate e cozze”, del pane e delle focacce a lievitazione naturale, del nostro olio EVO rigorosamente DOP?

Verdure fresche ad ogni stagione, burrata, mozzarelle e formaggi, “pucce”, “pettole”, pasticciotti e dolci di ogni genere… difficile che possiate resistervi, specie se innaffiati dai nostri vini DOC e IGT: il Negroamaro, l’Aleatico, il Primitivo, solo per fare alcuni nomi.

E se fate indigestione, nessun problema: una bella passeggiata o un’escursione in bike attraverso i nostri ulivi secolari o i nostri vigneti, per visitare agrimusei o masserie didattiche, è giusto quel che ci vuole per smaltire qualche caloria di troppo.

Puglia, se non ci fosse, chi potrebbe inventarla?


Fontehttps://pixabay.com/it/photos/puglia-food-cibo-salutare-2373298/
Articolo precedenteDentro
Articolo successivoLe connessioni tra pianoforte ed arpa
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba.Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.