Il 31 ottobre a Paestum, in occasione della XVII Borsa Mediterranea del turismo archeologico, si terrà l’incontro SOCIAL MEDIA & ARCHAEOLOGICAL HERITAGE FORUM. ARCHEOBLOG: RACCONTARE L’ARCHEOLOGIA NEL WEB, coordinato e fortemente voluto dalla giornalista e blogger Cinzia Dal Maso.

Si tratta del secondo raduno degli archeoblogger a Paestum, dopo la fortunata edizione dell’anno scorso che ha visto l’hashtag  #archeoblog entrare dritto dritto nelle tendenze di twitter grazie ad un sapiente uso degli strumenti social da parte della community degli archeologi online.

Eh sì, perché gli archeologi non passano le loro giornate soltanto tra la terra di antichi depositi  stratigrafici, in polverosi magazzini a studiare “l’antico vaso” o in buie biblioteche a sfogliare cataloghi e report di scavo. Tutt’altro.  Negli ultimi anni il web è diventato luogo di incontro e confronto per gli studiosi dell’antico, siano essi veterani della trincea, che giovani studenti alle prese con il sogno di poter fare dell’archeologia un lavoro.

Chi sono quindi gli archeologi-blogger italiani?

Sono archeologi con una solida formazione accademica alle spalle, laurea, specializzazione, dottorato, master, che hanno deciso un bel giorno di aprire un blog per parlare ad un vasto pubblico di archeologia, con l’obiettivo di confrontarsi anche con i non addetti ai lavori.

Lo spirito che anima gran parte dei blogger nostrani è a volte polemico (nel precedente post su odysseovi ho già raccontato di quali sono le reali condizioni lavorative degli archeologi italiani), spesso autobiografico, a volte ironico. L’obiettivo comune è quello di ampliare il pubblico, di venire fuori da una “settarietà” che ha condannato l’archeologia per anni a stare nel limbo tra “Indiana Jones”  e “tempio tetrastilo” (per citare Alessandro D’Amore).

E così a Paestum  gli archeoblogger si confronteranno su cosa vuol dire fare comunicazione culturale ai tempi del web, quali possono essere gli strumenti per portare la cultura da offline a online e quale il pubblico da raggiungere.

Perché non bisogna dimenticare che una storia esiste se c’è qualcuno ad ascoltarla.

Appuntamento il 31 ottobre dalle ore 15 alle 19 alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.

L’hashtag ufficiale della Borsa è #BMTA2014, invece per seguire la tavola rotonda basterà cercare su twitter #archeoblogger.

Interverranno:

Cinzia Dal Maso Giornalista e blogger (moderatrice)

Giovanna Baldassarre Archeokids
Alessandro D’Amore #svegliamuseo e Le parole in archeologia
Astrid D’Eredità Astridrome
Giuliano De Felice Passato e futuro
Antonia Falcone Professione archeologo
Marina Lo Blundo Archeotoscana e Generazione di archeologi
Pierluigi Picilli Operation manager LiuTravel
Francesco Ripanti ArcheoVideo
Stefano Rossi Archeoliguria
Michele Stefanile Archeologia subacquea
Alex Tourski CEO IZI.travel
Mariangela Vaglio Il nuovo mondo di Galatea

Anna Maria Buzzi Direttore Generale DG per la Valorizzazione del Patrimonio Culturale MiBACT

Link utili:

Video di presentazione: http://www.youtube.com/watch?feature=youtu.be&v=78cSeFvVMOw&app=desktop

Sito web della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico: www.borsaturismoarcheologico.it

Evento fb: http://www.facebook.com/events/536571126477640/

CONDIVIDI
Articolo precedenteX Factor 8: al via la fase finale
Articolo successivoDue parole sulla mafia
Antonella Falcone
Antonia Falcone, archeologa di formazione e webaholic per definizione. Laureata e specializzata in archeologia, ho vagato a lungo tra Puglia e Lazio. Attualmente risiedo a Roma, e mi aggiro per il web. Nel 2013 ho fondato il sito www.professionearcheologo.it per mettere in rete gli archeologi italiani. Sempre alle ricerca di sperimentazioni digitali, con piacere sono salita a bordo di Odysseo. Ah dimenticavo, mi trovate su tutti i social.

LASCIA UNA RISPOSTA