Un “opuscolo” come lo definisce la curatrice, la dott.ssa Grazia Milano, che è una guida a leggere tra segni e disegni

«Perché un opuscolo sul disegno infantile? Perché in questi anni di esperienza clinica – scrive la psicologa Grazia Milano – nel settore ambulatoriale del presidio “A. Quarto di Palo e mons. Di Donna” ho cominciato a raccogliere, per preservarli dall’usura del tempo, i disegni di bambini affetti da disabilità o disturbi, valutati con i test grafico-proiettivi nel corso di esami psicodiagnostici. Subito mi sono resa conto che si trattava di materiali preziosi, di una profondità che spesso ha stupito anche me: dopo tanti anni la loro rilevanza mi ha dunque indotto a divulgarne i contenuti».

Stupore, profondità, rilevanza e, ci si azzarda ad aggiungere, significanza: una quaterna di parole che, a mo’ dei quattro poli di una bussola, tanto appaiono utili al nostro tempo.

Stupore: ovvero capacità di meravigliarsi del bello che è sotto ai nostri occhi e che rischiamo di non apprezzare per forza di abitudine. Profondità: per resistere alla tentazione di vivere in superficie. Rilevanza: per discernere ciò che è importante da ciò che non ha peso. Significanza: perché nella stagione del relativismo imperante, noi tutti abbiamo bisogno di senso.

I “Diversegni” sono accompagnati da didascalie interpretative e preceduti da brevi e illuminanti Linee guida per presentare e interpretare sia il test di Machover che quello di Corman.

Accade così che quello che la curatrice definisce umilmente un “opuscolo” (Simone Weil ammoniva: “Non c’è nulla di più prossimo alla vera intelligenza dell’umiltà”…), si staglia come una guida capace di introdurci nella interpretazione di segni e disegni, quelli di bambini con disturbi o disabilità, ma, si direbbe, anche quelli di tutti gli altri bambini, perché, come spiega ancora la dott.ssa Milano: “Nel momento in cui un bambino, tra i quattro e i cinque anni, rappresenta figure umane complete, ci offre uno strumento straordinario per ‘leggere’ dentro di lui, assai più di quanto non consenta il linguaggio […]. I bambini disegnano ciò che è importante per loro: in primo luogo le persone e, in secondo luogo, tutto ciò che li circonda. Analizzare i disegni dei bambini consente quindi di individuare stati d’animo, conflitti emotivi che hanno dettato inconsciamente al piccolo certe forme e accostamenti”.

Parole che valgono per i bambini normotipici, che valgono ancor di più per i bambini affetti da disabilità o disturbi, ma che possono e devono valere anche per i grandi le cui relazioni determinano non poco le reazioni emotive e inconsce dei bambini.

Si racconta che a Madre Teresa di Calcutta una giovane in discernimento avesse chiesto: “Madre, cosa posso fare per la pace nel mondo?” – “Torna a casa e ama la tua famiglia”, fu la risposta di santa Teresa.
Dal canto suo, Pablo Picasso ebbe a confessare: «Ho imparato a dipingere come Raffaello; adesso devo imparare a disegnare come un bambino».

CONDIVIDI
Articolo precedenteLa smorfia. Marchionne: “In cravatta per l’azzeramento del debito di Fca”. Azionisti in mutande.
Articolo successivoLa smorfia. Saviano: “Salvini nega il diritto del mare”. Il ministro gli rinnova la scorta
Paolo Farina
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba. Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...