Per raggiungerti

ho lacerato piedi

d’emozioni pungenti,

tizzi

su sassi ardenti,

deserti

che di rado

annunciavano l’oasi.

Intorno a me

solo ombre bipedi,

sorelle

di pochi denari,

ma per raggiungerti,

la schiena rotta,

ignorai l’età reale

nell’aura d’ambra

d’illusori trascorsi infantili

fra braccia

ancor

di giovane madre.

 

Ca să-ajung la tine

 

Ca să-ajung la tine

mi-am sfâşiat picioarele

cu emoții înțepătoare,

tăciuni

pe pietre arzătoare,

deşerturi

ce rareori

prevesteau oaza.

În jurul meu

doar umbre bipede,

surori

de nimic,

dar ca să-ajung la tine,

cu spatele rupte,

ignorai vârsta reală

în aura ambrei

a iluzoriilor trecute infantile

în brațele

din nou

ale tinerei mame.

_________________________________________________

Leggi le altre poesie, in italiano e rumeno, di Luca Cipolla


Fontepixabay.com
Articolo precedenteJames Walter Braddock, l’uomo cenerentola
Articolo successivoVado al massimo: Lorenzo Vasco alla Fidelis
Nato a Milano, nel 1975, vive a Cesano Boscone. Poeta e traduttore bilingue italiano-romeno, è redattore delle riviste “Sfera Eonică” e “Regatul Cuvântului”, di Craiova (Romania). Collaboratore anche con le riviste “Boema” e “Climate Literare”, nonché con la rivista internazionale online “Starpress”. Ha pubblicato, insieme a Melania Cuc, la raccolta poetica Monadi, Editura Karuna, Bistrița 2014. Vincitore di numerosi premi letterari, le sue poesie sono state pubblicate in molteplici volumi collettivi e antologie, ottenendo decine di lusinghiere recensioni.