paneduzze

R paneduzz… Come se non bastasse la diuturna penitenza della fame, per aggiunta il 7 dicembre, vigilia dell’Immacolata, si digiunava.

Un digiuno sacro e silenzioso accompagnato dal fruscio fioco dei rosari per vegliare la Vergine che, nel giro d’una quindicina di giorni a venire, sarebbe diventata la Madre del Redentore.

Fa sempre freddo la vigilia dell’Immacolata a Minervino Murge. Una diaccia caliginosa, impenetrabile nella luce del crepuscolo, che contrae i muscoli e intorpidisce l’anima. Le donne, fedeli conoscitrici dell’inedia degli uomini di casa, chine sulla spianatoia “trombano”, fin dalla sera precedente, acqua, farina, sale e olio per plasmare pagnottelle aromatizzate al finocchietto selvatico che, immerse in attimi di bollore, schiereranno in bell’ordine sulle tortiere da avviare al forno l’indomani mattina. Crescono e s’increspano le pagnottelle nella notte, turgide come seni ansanti nell’attesa.

Senza titolo1

E ancora buio quando mani gentili stigmatizzano di bionde mandorle dolci la pasta ancora tenera delle rosette di pane. Annunciato dal suo richiamo salmodiante, passa il fornaio nella bruma a ritirarle. Le riconsegnerà, nel sole pallido di mezzogiorno, fumanti, odorose delle fragranze del grano, calde e invitanti come labbra rosse socchiuse. I primi ad addentarle saranno gli scolaretti di ritorno dalle lezioni in fredde aule scolastiche, liberi e schiamazzanti nei loro grembiulini neri con i fiocchi azzurri che sfarfallano gualciti al vento.

Poi, nella sera incipiente, incontreranno le gagliarde mascelle, degli uomini che rimpatriano dai campi su traini carichi di ciocchi e fascine da ardere.

Nel tramonto ferrigno di nebbia si affastella la legna per i falò. Nelle strade, nei vicoli, negli slarghi. Nella piazza grande, la gloriosa pira raggiunge l’altezza di cinquanta metri. I vecchi narrano storie tenebrose d’altri tempi, di briganti, di fantasmi, di fattucchiere. Le vegliarde, invece, distribuiscono paneduzz e raccontano ai ragazzini incantati, accucciati tutt’intorno ai roghi, che il fuoco serve ad asciugare il corredino del Bambinello, sciorinato dalla Madonna in attesa dell’imminente parto.

E mentre i più ardimentosi tra i fanciulli, gettando grani di sale grosso tra le fiamme, accrescono il crepitante tripudio delle faville, in bocca le mandorle delle panedduzz crocchiano festose.


Articolo precedenteQuando anche un messaggio su Whatsapp ci scava nel profondo
Articolo successivoL’Avvento: un tempo monastico
Pinuccio Pomo
Pinuccio Pomo ovvero Giuseppe Pomo. Giornalista, copywriter, blogger, food&wine writer’s. Implacabile adescatore di giovani e belle signore, ha imparato a sostituire le caramelle con le parole. Incoraggiato dai successi, ha deciso di mettere a profitto la sua facoltà di parolaio impenitente nella comunicazione d’impresa dove gli succede, per contrappasso, di sostituire intere frasi con manciate di caramelle. Insaziabile gola profonda di manufatti culinari e di alchimie alcoliche, è assillato dai giochi verbali. Ha coniato l’anagramma del suo nome “Geme su pioppo” a cui preferisce “I! Gemo su poppe”. Ha pubblicato la trilogia Cremolate Tremolanti - Imeneo - Lettere a Malena (Sveva Editrice) Cura il blog vinocucinapiaceri.wordpress.com È segretario regionale AGAP (Associazione Giornalisti Agroalimentari di Puglia).