Curvi ad accarezzare la nuda terra.

Sguardi profondi che interrogano il cielo e le stelle per organizzare il domani.

Volti scolpiti da rughe profonde portate con fierezza.

Pelle bruciata dal sole d’estate e frustata dal vento gelido d’inverno.

Mani nodose ma gentili che accarezzano il grano bambino.

È L’uomo della terra, di quello strano spazio di dignità dimenticato da molti, ignorato da tanti, boicottato da troppi.


FonteFoto di GreenForce Staffing su Unsplash
Articolo precedenteNon succede, ma se succede?
Articolo successivoBarcellona 1992
Figlio del Salento, abitante del mondo, esploratore della conoscenza. Laurea in Scienze Biologiche, Dottorato di Ricerca in Scienze e Tecnologie Cellulari alla Sapienza Università di Roma e Research Fellow presso la Harvard University di Boston (USA) dal 1996 al 2000. Attualmente è professore ordinario di Istologia, Embriologia e Biotecnologie Cellulari presso l'Università di Roma "La Sapienza". Le sue ricerche hanno portato ad importanti risultati pubblicati su riviste scientifiche internazionali tra cui Nature, Nature Genetics, Nature Medicine, Cell Metabolism, PNAS, JCB. Da diversi anni è impegnato nella divulgazione scientifica; è coordinatore delle attività di divulgazione scientifica dell'Istituto Pasteur-Italia ed è direttore scientifico della manifestazione “Festa della Scienza” che si svolge annualmente in Salento (Andrano-LE). Il suo motto: appassionato alla verità e amante del dubbio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here