«Io non sono contrario a Cristo. Era una personalità umana in tutto e per tutto e se vivesse ai nostri tempi, si unirebbe certamente ai rivoluzionari e, forse, avrebbe anche un ruolo di spicco fra di loro… Non c’è dubbio su questo»

(Fëdor Dostoevskij)

“Disegnatemi un pastore con il gregge. E disegnatene una sulle sue spalle”.

Fra dodici di loro, l’unico fu Giovanni a consegnarmi un disegno diverso dalla massa: aveva eseguito perfettamente le indicazioni, ma la pecora sulle spalle l’aveva fatta nera.

Un colpo di fulmine e Giovanni non seppe spiegarmi perché lo avesse fatto, se non con la genuinità di un bambino: “Non lo so, ma cercavo un modo per fare la differenza”.

Sono quelle cose semplici che non dimentichi più e che tornano ogni volta in cui le immense e indistruttibili strutture di peccato vengono con le ruspe a presentare il loro conto.

Le pecore nere, alla fine dei conti, sono le serene ed incoscienti persone che servono per affrancare intere generazioni.

Coloro che non si piegano alle regole e alle abitudini sociali e familiari e, senza accorgersene fino a un certo punto, né con cattive intenzioni, ancora senza poterlo evitare, provano incessantemente a sradicare le ataviche usanze.

Sono quelle che vanno in direzione ostinata e  contraria e, neanche a farlo apposta, vengono allontanate, giudicate, derise, rifiutate.

Le stesse che prima o poi verranno trattate da zero e per un certo tempo cadranno nella trappola, comportandosi da zero; trattate da stupide, si violenteranno e faranno le stupide; trattate da inette, stanche, cederanno all’idea di essere effettivamente inette.

Eppure funziona che la natura chiama in maniera primordiale, e presto o tardi le pecore nere torneranno alla loro missione che è quella di liberare chi le circonda dalla frustrante ripetitività degli schemi.

Vivendo la vita nell’unico modo che conoscono, scalpitando senza sosta, facendo volare i tavoli, non trovando pace nella capacità di adattamento dei più, guariscono, aggiustano, depurano e forniscono nuovo ossigeno intorno.

Sono loro l’arma diletta degli avi che non sono riusciti, in vita, a scardinare le dottrine secolari diventate invisibili catene per i ciechi che credono di vedere, i sordi che credono di sentire, i servi che credono di liberare.

Spesso la forza di inerzia spingerà il mondo intorno a mantenere il flusso avvelenante ed inquinato delle cose, rendendo apparentemente impossibile la vita del Lancillotto sovversivo e rivoltoso.

Eppure lui, in qualche modo, troverà sempre il sistema per ricordare che

Il nero genera nero.

Il nero moltiplica nero.

Il nero cresce nero.

Il nero accresce nero.

E se lo dice chi del nero ha fatto modus vivendi, imparando a non farne modus operandi, toccherebbe provare a crederci.

Di nero ci si veste, non ci si nutre.


FontePhoto by Jose Francisco Morales on Unsplash
Articolo precedenteIl gomitolo che lega età infantile e disabilità
Articolo successivoÈ ancora di dolore ostello
Sono una frase, un verso, più raramente una cifra, che letta al contrario mantiene inalterato il suo significato. Un palindromo. Un’acca, quella che fondamentalmente è muta, si fa i fatti suoi, ma ha questa strana caratteristica di cambiare il suono alle parole; il fatto che ci sia o meno, a volte fa la differenza e quindi bisogna imparare ad usarla. Mi presento: Myriam Acca Massarelli, laureata in scienze religiose, insegnante di religione cattolica, pugliese trapiantata da pochissimo nel più profondo nord, quello da cui anche Aosta è distante, ma verso sud. In cammino, alla ricerca, non sempre serenamente, più spesso ardentemente. Assetata, ogni tanto in sosta, osservatrice deformata, incapace di dare nulla per scontato, intollerante alle regole, da sempre esausta delle formule. Non possiedo verità, non dico bugie ed ho un’idea di fondo: nonostante tutto, sempre, può valerne la pena. Ed in quel percorso, in cui il viaggio vale un milione di volte più della meta ed in cui il traguardo non è mai un luogo, talvolta, ho imparato, conviene fidarsi ed affidarsi.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.