«Oltre quelle vetrate hanno bisogno di serenità e rispetto e di sicuro verrà fuori qualcosa oltre la speranza»

Riceviamo e pubblichiamo:

Mi sembra di stare in una sala d’attesa o in un corridoio o comunque in uno spazio antistante un reparto di Terapia Intensiva.

Sono fisicamente lì, ma assente, aspetto qualcuno che esca per portarmi alla realtà.

È uno spazio che ho sempre percorso in fretta a testa bassa o con lo sguardo nel vuoto per evitare di essere fermato e dare risposte che non volevo o non ero ancora in grado di dare.

Quando succedeva evitavo le illusioni e stroncavo, evitando di dire quanto piaceva a loro.

Mi imponevo di spiegare dov’era il danno anatomico, in modo da sgombrare il campo da imprecisioni e conseguenti rielaborazioni, visto in quelle circostanze la caterva di consiglieri e specialisti.

Invitavo a comprendere il momento e vivere alla giornata, avremmo lavorato più sereni e ci saremmo compresi meglio al di là di ogni risultato ottenuto.

Ma non succedeva spesso: era quasi sempre il perverso gioco del telefono senza fili, l’avevo odiato fin da piccolo, si parte con le cipolle e si arriva alle patate.

Questo in breve ciò che vivevo.

Ma chi sostava notte e giorno fuori: meritava molto

Me lo sono sempre chiesto, ma la medicina non è scienza esatta, per questo ritengo ci si fermi alla giornata, anche per quanto stiamo vivendo.

È esatta l’esperienza che ha sempre aiutato a migliorarsi.

Ieri mi diceva un caro amico che lavora nell’amministrazione ASL: sono confuso.

Hai ragione gli ho detto e mi sono ritrovato in quei luoghi.

Sono tutti opinion leader, virologi, epidemiologi, farmacologi, terapeuti riesumati dal letargo, protettori civili, politici che blaterano contro il governo e che il loro tempismo sarebbe stato migliore, gli uni non si fidano degli altri, ripeto la medicina non è scienza esatta.

Certo la prevenzione e l’epidemiologia fanno tanto …ma non sempre bussa per avvertire che sta arrivando.

Abbiamo un male. Una cosa precisa esiste: non sappiamo comunicare serenamente e se lo si facesse troveremmo una qualche soluzione, ma è uno sport che in medicina è poco praticato.

Oltre quelle vetrate hanno bisogno di serenità e rispetto e di sicuro verrà fuori qualcosa oltre la speranza.

È questo che stiamo vivendo: non sappiamo ascoltare e men che meno attenerci alle regole.

dott. Ciro Lorusso


LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.