È Francesco Emanuele Delvecchio a firmare la regia del Docufilm su Matteo Bonadies

Ad ufficializzare la notizia e a comunicarne il progetto è lo stesso console generale di Malta per la Regione Puglia a Bari: Del Vecchio firma la regia del docufilm su una figura prestigiosa quale quella di Matteo Bonadies.

Tra le sue svariate attività politiche e diplomatiche, vi è anche la sua azione di autore che ha raggiunto un distinto successo in ambito di racconti e romanzi.

Non è nuovo alla trasposizione cinematografica Matteo Bonadies, in effetti uno dei suoi libri, uno dei suoi venticinque libri “Io Donna” fu banco di prova ben ripagato in termini di critica e successo nel circuito dei corti d’autore.

Lo stesso autore divenne Produttore Cinematografico cofinanziato dall’Apulia Film Commission i protagonisti furono Margherita Buy e Sergio Rubini per la regia di Pino Quartullo.

Nel Docufilm che racconta la vita, e non solo, del dottor Bonadies ci sarà ad affiancare lo stesso regista, attore e sceneggiatore dell’opera Francesco Emanuele Delvecchio , Luigi Di Schiena e uno degli atleti più in vista nel panorama meridionale di cui il Docufilm si è fregiato di avere l’ atleta ex nazionale Domenico Matteo Ricatti che vanta un palmares ricco di successi di carriera , si ringrazia inoltre il comune di Trinitapoli nella persona del fiduciario Coni professor Giuseppe Acquafredda, il commissario prefettizio Angelo Caccavone  e l’ architetto Salvatore Grieco che hanno concesso le riprese nello stadio comunale della stessa città (Trinitapoli) , riprese nevralgiche ai fini del racconto.

Dice il regista “sono davvero fiero , orgoglioso e onorato di raccontare un uomo come Matteo Bonadies , emozionato per ciò che egli rappresenta come essere umano, il mio intento ed il mio invito è tale da dire: sia l’essere e non l’avere a porre in luce un uomo, così che egli possa dirsi l’uomo“.

 


Articolo precedenteSARAH È ARRIVATA DI MATTINA
Articolo successivoIl mondo della scienza visto da Nicolás Gómez Dávila
Redazione
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole.Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente.Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo.A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano.Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione.Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.