«Diteli se la luce onde s’infiora 
vostra sustanza, rimarrà con voi 
etternalmente sì com’ell’è ora»

(Paradiso XIV, vv.13-15)

Il canto quattordicesimo del Paradiso potrebbe essere indicato come il “canto della luce”, punto e a capo. Nondimeno, proverò a suggerire qualche ragione per questa definizione a bruciapelo.

La narrazione è suddivisa in due distinte sezioni e contiene l’ascesa dal cielo quarto, dei sapienti, al cielo quinto, degli spiriti combattenti per la fede (anche se a me piace più pensare ai “testimoni” della fede, ma questo è un altro discorso: ricordo solo che il Vangelo è scritto in greco e che “testimone” in greco si dice “martyros”…).

Nella prima parte Salomone chiarisce un dubbio di Dante circa la risurrezione dei corpi: essa non solo non spegnerà la luminosità delle anime, ma anzi la farà rifulgere come non mai; nella seconda parte, il poeta vede apparire, in un cielo divenuto rosso fuoco, due scie luminose di anime che incrociandosi perpendicolarmente mostrano al centro la figura di Cristo: Dante confessa ancora una volta di non essere in grado di descrivere ciò che vede e si affida all’immaginazione del devoto lettore.

Ma il tema dominante, anticipavo, rimane quello della luce. Esso ritorna insistentemente in tutto il suo frasario. Mi azzardo a rievocarlo senza attardarmi in riferimenti puntuali: luce, chiarezza, lume, vision, raggio, fiamma, candor, folgòr, lume, rischiari, sfavillar, affocato, roggio, lucore, robbi, splendor, biancheggia, lampeggiava, albor, balenar, scintillando forte.

L’elenco è incompleto – perché, per scelta, non specifico quante volte la stessa parola ritorni, passando, ad esempio, dal singolare al plurale o viceversa – ma ritengo che sia più che sufficiente a cogliere il brillio di questo canto, una lucentezza che è negli occhi di Dante.

Sì, perché per vedere la luce bisogna mantenere gli occhi aperti e, se Dante arde per li occhi belli (v.131) di Beatrice, vien da chiedersi chi o cosa possa accendere il nostro sguardo.

Per conto mio, continuo ostinatamente a ritenere che aprire una finestra sia il modo più semplice per lasciare che la luce entri: di sicuro, mi pare un’azione molto più intelligente che urlare la paura o l’ossessione del buio.

La luce rimane sempre con e per noi, solo che non si decida di chiuderla fuori.

Francesco Bacone: «La prima creatura di Dio fu la luce».

Michael Straßfeld: «La luce si dona liberamente, riempiendo tutto lo spazio disponibile. Non cerca nulla in cambio; non chiede se si è amici o nemici. Si dà di per sé e non si risparmia mai».

Leonard Cohen: «C’è una crepa in ogni cosa ed è da lì che entra la luce».


FontePixabay.com rivisitato da Eich
Articolo precedenteL’archivio dei sogni spezzati
Articolo successivoHERMANN HESSE
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba.Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.