Mariarosa, Patrizia, Giovanna: «Grazie alle famiglie, allo staff, ma soprattutto ai bimbi». Rosanna: «Il lavoro più bello del mondo…»

Appuntamento a domenica 14 maggio, ore 18.00, in via Piero della Francesca, 26, per la mega festa dei 20 anni di Primipassi! Bambini, ci saranno anche i gonfiabili!

Un momento di preghiera, la presenza dell’assessore alla Pubblica Istruzione, avv. Paola Albo, e poi tanta, tanta festa: è questo il programma previsto per domenica 14 maggio, con inizio alle ore 18.00, per l’evento celebrativo dei 20 anni della Coop. Primipassi. Ovviamente, non mancheranno tanti giochi (inclusi i gonfiabili!) per la gioia dei più piccoli e il sorriso dei più grandi, così come immancabile sarà un ricco buffet per addolcire la serata.

Nell’occasione, abbiamo voluto intervistare coloro che oggi sono la colonna portante di Primipassi. Abbiamo chiesto a Mariarosa Sdolfo di raccontarci con che stato d’animo lei e le sue colleghe si accingono a vivere questo momento: «Indubbiamente, il fatto che una piccola Cooperativa partita in silenzio e con pochi mezzi sia cresciuta nel tempo al punto di poter oggi festeggiare i suoi 20 anni è qualcosa che riempie di orgoglio, ma ci carica anche di una enorme responsabilità. Siamo grate e consapevoli del cammino fatto e, al contempo, viviamo questo momento di festa come un forte stimolo a fare sempre meglio e di più».

«Proprio così – ha proseguito Patrizia Virgilio –  Il bene, la serenità, la crescita dei nostri piccoli è il nostro obiettivo costante e facciamo del nostro meglio per raggiungerlo, un giorno dopo l’altro. Sento di dover dire grazie alle tante famiglie che hanno riposto la loro fiducia in noi e che ogni giorno dialogano con lo staff educativo di Primipassi in spirito di reciproca collaborazione e corresponsabilità».

Dal canto suo, Giovanna Ieva ha aggiunto: «Vorrei rivolgere un pensiero di ringraziamento anche a tutte le educatrici che, ieri come oggi, hanno fatto e fanno sì che Primipassi sia una realtà riconosciuta e apprezzata nella nostra Città. E il grazie più forte vorrei dedicarlo ai nostri bimbi, alcuni dei quali sono cresciuti al punto da poter festeggiare la loro laurea: è bello sentirsi chiamare per strada e ricevere la testimonianza di affetto di bambini e bambine oggi cresciuti al punto da essere quasi irriconoscibili».

Alle parole di Mariarosa, Patrizia e Giovanna hanno fatto seguito quelle della maestra Rosanna Di Schiena: «Non c’è missione più grande che aiutare un bimbo a sbocciare in serenità. Non c’è lavoro più bello del nostro. Mi rendo conto che ci sono mille altre professioni utilissime alla società e per ciascuna delle quali si potrebbe dire che sono il lavoro più bello del mondo: ma lasciate che oggi lo possa dire per il nostro».