70 anni di matrimonio…

Mio Nonno e mia Nonna, rispettivamente di 91 e 90 anni, festeggiano il loro S E T T A N T E S I M O (70) anniversario di MATRIMONIO, e lo fanno scrivendo una lettera, riportata qui sotto, un vademecum di felicità condivisa, il testamento epistolare che noi nipoti abbiamo trascritto su pergamena e distribuito a tutta la nostra famiglia. SETTANTA, NOZZE DI FERRO come il loro legame anacronistico, indissolubile e, per questo, eterno:

“70 ANNI INSIEME

La vita è piena di sorprese, nessuno è in grado di sapere come andranno SETTANTA anni di matrimonio e un’esistenza di oltre novant’anni.

Nascono prima il Destino, la Fortuna, la Sorte, e poi l’Uomo.

All’Uomo è stato destinato un secolo. Ma come lo trascorre questo secolo?

Deve difendersi da tanti ostacoli, dalle malattie, dalle brutte compagnie, dal lavoro, dalle disgrazie…

L’Uomo va a braccetto con il Fato, cerca di fare le cose buone, ma il Destino lo fa sbagliare.

Il matrimonio è come il mare: ci sono l’alta e la bassa marea!

70 anni di matrimonio insieme, c’è da superare tanti ostacoli. I figli, innanzitutto. Poi il lavoro, collaborare con lo stesso sistema. Solo chiudendo un occhio da ambo le parti, si riesce a stare insieme una vita intera!

Prima regola? Non si dice ”questo è mio!” ”questo è tuo!”, ma ”questo è nostro!”, ”i figli nostri, le nuore nostre, i nipoti e i pronipoti nostri…!”

Ringraziamo il Padreterno, perchè ciò non è da tutti!”.

Data del Matrimonio: 03/12/1951 – 03/12/2021

Emanuele e Maria


Articolo precedenteTORNANO IN PIAZZA LE STELLE DI NATALE
Articolo successivoInclusione, lo Sport è di tutti
Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Puglia, ho iniziato a raccontare avventure che abbattono le barriere della disabilità, muri che ci allontanano gli uni dagli altri, impedendoci di migrare verso un sogno profumato di accoglienza e umanità. Da Occidente ad Oriente, da Orban a Trump, prosa e poesia si uniscono in un messaggio di pace e, soprattutto, d'amore, quello che mi lega ai miei "25 lettori", alla mia famiglia, alla voglia di sentirmi libero pensatore in un mondo che non abbiamo scelto ma che tutti abbiamo il dovere di migliorare.