Riceviamo e pubblichiamo:

L’indecoroso spettacolo a cui stiamo assistendo in questi giorni in cui i grandi elettori non riescono a eleggere il Presidente della Repubblica è stato sanzionato da molti come esemplare immagine dello stato di crisi in cui verserebbe l’attuale sistema democratico rappresentativo italiano. A mio avviso invece si sta appalesando sempre di più la crisi del leaderismo, ovvero dell’attuale inopinata delega che i partiti hanno affidato ai loro capi, responsabili unici delle scelte e della gestione politica.

La restrizione del modulo del partitismo al leaderismo è la questione irrisolta del nostro Paese, che ormai affida le sue sorti agli umori personali. Evoca lo stantio ricordo di oligarchie, monarchie e dittature.

A che cosa è dovuto il passaggio dal partitismo al leaderismo? Alla superficialità che proviene dalle esigenze dei tempi che l’attuale società turbocapitalista impone, a tutto detrimento della vita riflessiva e molto più consapevole che la società e il bene comune richiedono. Il leaderismo porta inevitabilmente al prevalere degli interessi egoistici e privati e alla formazione di ristretti gruppi di potere che vanno a occupare tutti i centri e a dirigere l’intera dinamica sociale, creando squilibri, privilegi intoccabili, differenze insormontabili, il consenso organizzato attorno a una gestione sempre più ristretta.

Il leaderismo è pericolosissimo, e il cosiddetto populismo di cui si è parlato a proposito del consenso che questi leader riescono a conseguire nelle piazze e presso le folle, sta a sancire proprio la mancanza di un dialogo democratico che veniva organizzato fino agli anni Settanta in Italia dai partiti. I partiti non esistono più, non esistono più i circoli dei partiti, le sedi dove la gente – il popolo, la base – si riuniva per discutere e confrontarsi sui problemi della cittadinanza. Tutto questo è scomparso per motivi legati ai tempi e ai tagli delle spese: gli affitti delle sedi sono esosi, è meglio dibattere tra pochi leader, tanto il risultato non cambia. A quanto pare, non è stato così. Ormai c’è un distacco completo tra il leaderismo e la democrazia. I nodi vengono al pettine: i leader non convincono più, non riempiono più le piazze, anzi, al contrario, la gente li contesta, diffidando di loro che non riescono neanche a formulare un nome apprezzabile per il Quirinale. Come se in Italia non ci fossero migliaia di Donne e Uomini di alta cultura, dotati di elevate capacità diplomatiche. E di provata fede antifascista, perché la Repubblica Italiana è nata dalla reazione al fascismo e la continuità va mantenuta.

Massimo Pamio


Fontehttps://commons.wikimedia.org/wiki/File:Aula_Montecitorio.jpg
Articolo precedenteAlessandro, scusami se ti chiamo per nome
Articolo successivoCavarsela in consolle
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole.Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente.Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo.A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano.Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione.Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…