«Ieu sui Arnaut, que plor e vau cantan; 
consiros vei la passada folor, 
e vei jausen lo joi qu’esper, denan»

(Purgatorio XXVI, 142-144)

Il protagonista indiscusso del Canto è Guido Guinizelli, che Dante definisce “padre suo e degli altri poeti migliori di lui” (Purgatorio XXVI, vv.98-99). L’intervento di Guido si articola in tre icone successive: lo stupore per il fatto che Dante visiti il Purgatorio in carne e ossa, il chiarimento circa la pena dei lussuriosi, la lunga parentesi dedicata a celebrare la poesia d’amore secondo una sorta di genealogia che da Arnaut Daniel va a Guinizelli medesimo e da lui ai poeti dello Stilnovo.

Non mi attarderò su questa materia, invitando il gentile e curioso lettore a confrontarsi direttamente coi versi di Dante.

Mi limiterò a due considerazioni complementari.

La prima prende spunto dal “debole” che Dante prova per i lussuriosi. La seconda si lascerà contaminare dalle parole, in lingua d’oc, pronunciate dal Daniel in chiusura del canto.

Quanto all’occhio di riguardo di Dante per chi è vittima di lussuria, osservo che nell’Inferno i lussuriosi sono i primi dannati che incontriamo, quindi quelli più lontani da Lucifero, cioè quelli, nello schema dantesco, col peccato meno grave. Di più, abbiamo visto come la seconda metà del canto V dell’Inferno sia luogo di pietà e di preghiera, di parole gentili, di compassione: è il canto di Paolo e Francesca, ma anche il canto di Dante. Viceversa, qui in Purgatorio, i lussuriosi sono gli ultimi ad essere incrociati, dunque i più vicini alla vetta del Purgatorio, vale a dire, i più vicini a vedere Dio. Basterebbe questo per far pensare ad una sorta di “occhio di riguardo” che, nella morale dantesca, tende a mostrare comprensione per chi è vittima d’amore. Se poi si aggiunge che gli ultimi due penitenti che sentiamo parlare sono papà Guinizelli e nonno Arnaut, il cerchio si chiude: ed è un cerchio che si compie nel dialogo d’amore che, per quanto peccaminoso, conduce al Cielo. Di qui in poi, saranno solo i beati a prendere parola…

Come accennato, questa prima considerazione vuole essere complementare con quanto dichiara Arnaut Daniel:

«Ieu sui Arnaut, que plor e vau cantan;
consiros vei la passada folor,
e vei jausen lo joi qu’esper, denan»

(Purgatorio XXVI, 142-144)

In traduzione: Io sono Arnaut che piango e avanzo cantando; medito contrito la passata follia e  gioioso contemplo la gioia che spero davanti a me.

Follia (folor): la parola che mi ha fulminato. Non solo perché, mio malgrado, più di vent’anni fa ho pubblicato un volume che provava a indagare la ragionevole follia d’amore in Simone Weil.

Fulminato, perché follia è parola chiave in quanti hanno provato a vedere oltre il visibile, pagando a caro prezzo la libertà di uscire dagli schemi.

Penso ai folli di Shakespeare e di Velázquez, tanto per citare ancora la Weil, penso all’Elogio della follia di Erasmo da Rotterdam, penso alla follia della Croce di tale Gesù Cristo così come ci è raccontato da san Paolo nella sua prima lettera ai Corinzi.

Penso a ognuno di noi, quando è disposto a perdere tutto per non perdere niente che sia bello, buono, unico, vero.

E penso di essere un tantino folle.

Pietà di me, o tu che leggi!

Edgar Allan Poe: «Divenni pazzo con lunghi intervalli di orribile sanità mentale».

Carl Jung: «Mostratemi un uomo sano di mente e lo curerò per voi».

Samuel Beckett: «Nasciamo tutti pazzi. Alcuni lo restano».


FonteDesigned by Eich
Articolo precedenteCome fermare il tempo
Articolo successivoCARO PRESIDENTE
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba.Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...