(voce di Michela Diviccaro)

La politica

 

Ner modo de pensà c’è un gran divario:

mi’ padre è democratico cristiano,

e, siccome è impiegato ar Vaticano,

tutte le sere recita er rosario;

 

de tre fratelli, Giggi ch’è er più anziano

è socialista rivoluzzionario;

io invece so’ monarchico,

ar contrariode Ludovico ch’è repubblicano.

 

Prima de cena liticamo spesso

pè via de ’sti princìpi benedetti:

chi vo’ qua, chi vo’ là… Pare un congresso!

 

Famo l’ira de Dio! Ma appena mamma

ce dice che so’ cotti li spaghetti

semo tutti d’accordo ner programma.

 


Articolo precedenteITACA DESERTA RUGGINE
Articolo successivoUn giorno di mai che attendi da sempre
Michela Diviccaro
"Sono nato poeta e artista. Come chi nasce cieco, come chi nasce zoppo e questo non si può cambiare. Perciò, lasciate le mie ali al loro posto e vi prometto che volerò bene!" (Lorca) Questo verso, tratto da una lettera di Federico Garcìa Lorca è, per me, meraviglia e sintesi di quel che provo, da anni a fare, a dare. Vivere di "solo" Teatro, scrivere, respirare poesia in ogni gesto. Grata alla VITA che mi ha data tanto!

1 COMMENTO

  1. Un vecchio Gatto mezzo insonnolito,
    giranno pe’ lo studio d’un pittore,
    je parse de sentì come un rumore
    d’un Sorcio che raspava in quarche sito:
    cri-cri, cri-cri… Cercò per tutta casa,
    e guarda, e smiccia, e annasa,
    finché scoperse che ce n’era uno
    de dietro a un quadro de Giordano Bruno.
    Provò d’avvicinasse piano piano,
    ma er Sorcio se n’accorse; tant’è vero
    che disse: — Amico! Stattene lontano.
    Porta rispetto ar libbero pensiero!
    Abbi riguardo ar martire che un giorno
    fece la fine de l’abbacchio ar forno…
    — Va bè’, — je fece er Micio —
    farò ‘sto sacrificio… —
    Però la sera appresso risentì
    lo stesso raspo e ritrovò l’amico
    de dietro a un quadro antico
    d’un San Lorenzo Martire: cri-cri…
    Er Sorcio nun se mosse. Dice: — E adesso
    rispetta er sentimento religgioso:
    nun sai che questo è un santo
    tanto miracoloso?
    Nun sai che puro lui
    finì su la gratticola? Per cui…
    — Rispetto un par de ciufoli!
    — rispose er Gatto — Tu, cór sentimento,
    t’arampichi, t’intrufoli,
    rosichi, magni e poi
    metti in ballo li martiri e l’eroi
    che t’hanno da servì da paravento…
    Che speri? che rispetti l’ideali
    de certe facce toste
    compagne a te, che tengheno riposte
    le convinzioni come li stivali?
    No, caro: in de ‘sti casi sfascio er quadro,
    strappo la tela, sfonno la figura,
    finché nun ciò fra l’ ogna er Sorcio ladro
    che me vorebbe da’ la fregatura.

Comments are closed.