I volontari cercano di estirpare le tante spine dell’umanità…

Domenica 17 novembre 2019 si celebrerà la III Giornata Mondiale dei Poveri, istituita da Papa Francesco al termine del Giubileo della Misericordia. “La speranza dei poveri non sarà mai delusa”: il tema scelto da Papa Francesco per questa giornata.

Celebrare la III giornata mondiale dei poveri significa anche celebrare tutti coloro che a vario titolo si spendono per migliorare la condizione dei “poveri”. I volontari della Casa Accoglienza “S. Maria Goretti” e dell’Ufficio Migrantes della Diocesi di Andria ne sono un esempio.

L’opera quotidiana dei volontari è encomiabile, sono le vere colonne portanti. La loro opera è l’esercizio costante della carità nei confronti dei più deboli senza distinzione di razza, colore e religione. I volontari cercano di estirpare le tante spine dell’umanità che entra in questa Casa: migranti in cerca di serenità; giovani che affogano il mal di vivere in un bicchiere di alcool o peggio ancora facendo uso di stupefacente; donne abbandonate; madri e padri separati e senza fissa dimora. I volontari di Casa di Accoglienza sanno che in questo luogo, il grembiule è d’obbligo, il cuore è prossimo, le mani sempre sporche e le mura custodi e intrise di quel profumo che solo la vera umanità espande.

Operano con gesti d’amore e di carità nei confronti dei più deboli non solo nei periodi in cui la solidarietà e l’attenzione per gli emarginati è centrale. Sono professionisti, operai, pensionati, uomini e donne che liberano il proprio tempo dal lavoro e da altri impegni per “prendersi cura di loro…”.

Come oramai consuetudine, ai volontari che con impegno, passione e dedizione hanno terminato il periodo di formazione viene consegnato il “Grembiule del servizio”.

Un grembiule confezionato con la stoffa ricavata da vecchie lenzuola donate dagli ospedali. Lenzuola che hanno accolto tanta sofferenza, che hanno visto morire tanti ammalati, ma che di contro hanno anche visto nascere tanti bambini! Oggi queste stoffe hanno cambiato l’aspetto ma non la loro vocazione che resta quella di seminare la speranza e di dare vita.

– Domenica 17 Novembre 2019, alle ore 11:30: presso la Parrocchia Gesù Crocifisso – Celebrazione Eucaristica, durante la celebrazione sarà consegnato il “grembiule del servizio”, ai nuovi volontari. Parteciperanno, oltre alla comunità parrocchiale guidata dal parroco don Cosimo Sgaramella, i volontari e gli ospiti della Casa Accoglienza “S. Maria Goretti” della Diocesi di Andria, i volontari, gli operatori e gli ospiti delle case di accoglienza e delle case famiglie della Comunità “Migrantesliberi” di Andria.

Prendersi cura dei più deboli è una forma di bene e il bene ritorna sempre indietro!

***

Questi gli altri appuntamenti per celebrare la III Giornata Mondiale dei poveri

– Giovedì 14 novembre 2019, alle ore 18:30: in via Quarti 11 ad Andria, presentazione dello sportello per il contrasto al Gioco d’Azzardo Patologico.

– Venerdì 15 Novembre 2019, alle ore 19:00: Open House, accoglienza e benvenuto.

A seguire momento di convivialità “A tavola con il mondo” organizzata e curata dagli operatori e ospiti della Comunità “Migrantesliberi” nell’ambito del progetto “La Teranga” che promuove la conoscenza e l’integrazione socio-culturale dei richiedenti asilo politico e persone che vivono situazioni di disagio e marginalità.


Articolo precedenteRitorna l’appuntamento con la “Cajita sospesa”
Articolo successivoJuve-Inter: a voi due!
Geremia Acri
So che tutto ha un senso. Nulla succede per caso. Tutto è dono. L'umanità è meravigliosa ne sono profondamente innamorato. Ciò che mi spaventa e mi scandalizza, non è la debolezza umana, i suoi limiti o i suoi peccati, ma la disumanità. Quando l'essere umano diventa disumano non è capace di provare pietà, compassione, condivisione, solidarietà.... diventa indifferente e l'indifferenza è un mostro che annienta tutto e tutti. Sono solo un uomo preso tra gli uomini, un sacerdote. Cerco di vivere per ridare dignità e giustizia a me stesso e ai miei fratelli, non importa quale sia il colore della loro pelle, la loro fede, la loro cultura. Credo fortemente che non si dia pace senza giustizia, ma anche che non c'è verità se non nell'amore: ed è questa la mia speranza.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.