di Dominique Roques

In questo libro l’autore ci accompagna in un viaggio magico quasi onirico, ci si perde tra le immagini di paesaggi naturali incontaminati e splendidi e i profumi inconfondibili e naturali delle essenze estratte da magnifici fiori e piante. 

Dominique Roques ci porta per mano lungo questo viaggio raccontandoci varie storie talvolta antiche come quella legata alla nascita dell’essenza di rosa. Nel Nord dell’India la principessa persiana Nur Jahan si accorge che, sulla superficie del bagno di acqua di rose preparato in occasione delle feste per le sue nozze con l’imperatore moghul Jahangir, c’è una pellicola di olio dorato e profumatissimo. 

D’improvviso accanto alla rosa ci tuffiamo in un campo d’infinite spighe azzurrognole o tinte color malva a seconda della direzione dei raggi del sole e ci inebriamo dell’odore della lavanda. 

Poi voliamo verso l’Egitto e la Cina su petali candidi e delicati del gelsomino, una spruzzata di bergamotto calabrese e ci immergiamo nella nota legnosa e dolce del benzoino tra le abitazioni su pali del Laos che scopriamo essere un luogo delizioso e bellissimo nonostante sia stato colpito ininterrottamente da milioni di tonnellate di ordigni nei lunghi dieci anni della Guerra del Vietnam. 

Ci fa capolino lo Sri Lanka, martoriato dalla guerra civile e dallo tsunami del 2004, eppure si mostra come un paese affascinante e seducente ove la cannella è il fiore all’occhiello tra le varie spezie. 

Segue “il doloroso mistero dei tropici” odoroso di vetiver, Haiti, purtroppo in vetta alle classifiche sulla povertà mondiale assieme al meraviglioso Madagascar, quest’ultimo patria della vaniglia. 

Un viaggio, quindi, per il mondo dove le varie sostanze naturali ci fanno scoprire le storie e le tradizioni talvolta dimenticate o sconosciute dei luoghi più disparati. Un sogno ad occhi aperti seguendo la scia di antichi e insostituibili fragranze. 

Buon viaggio a tutti coloro che vorranno intraprenderlo, non ve ne pentirete!!!


Articolo precedenteQuando cosmologia ed escatologia si incontrano
Articolo successivoALL’AMICIZIA CHE SPRIGIONA RESILIENZA
Mi chiamo Monica Fornelli e scrivo sin da piccolina. Sono una docente di francese appassionata di somatopsichica; lo stare bene per me è essenziale per cui da sempre scrivo per “ricrearmi” un mondo ideale in cui tuffarmi e potermi riequilibrare abbracciando me stessa e al contempo abbracciare virtualmente chi vorrà leggermi. Ho partecipato a vari concorsi nazionali e internazionali tra cui “Il Papavero d’Oro“, “Levante” indetto dalla rivista Radar Sei, “On the air”, “Nino Palumbo”, ottenendo vari riconoscimenti e menzioni in giornali locali come “la Gazzetta del Mezzogiorno“ e “Meridiano Sud”. Alcune mie poesie sono presenti in antologie quali “Fiori Amori” e “Le stagioni” ed. Barbieri; “Parole senza peso” ed. Writers, “Nitriti al vento“ ed. La Conca, “Il Federiciano” ed. Aletti. Nel 2011 è uscita la mia prima raccolta dal titolo “I colori della vita” (ed. Albatros) presentata anche alla fiera del libro di Torino.

2 COMMENTI

  1. Grazie, Monica. Mi hai invoghliato a leggere il libro.

    Per favore potresti scrivere un pezzo sulla somatopsichica? E’ diversa dalla Metyamedicina? Grazie. Domenico

  2. Domenico grazie per aver letto la mia recensione😊 buon viaggio, allora, tra le pagine di questo libro!!!
    Quanto prima scriverò sulla somatopsichica (ho seguito un corso di dottorato presso l’Università Jean Monnet di Bruxelles).

Comments are closed.