Le istituzioni in grande stallo
Il paese in gran subbuglio
Con la mossa del cavallo
Han creato un guazzabuglio

Da Casini a Casellati
Da Mattarella a Belloni
Sono tutti affossati
Da politici un pò coglioni

O di grazia senatori
O famelici deputati
Il nonnetto Rubacuori
C’ha fin troppo sputtanati

Non è poi così arduo
Nel paese di Leonardo
Trovare un personaggio congruo
Che faccia da baluardo

Di un paese un po’ spartano
Di cittadini senza niente
Che come un nuovo partigiano
Faccia l’onesto Presidente


Articolo precedenteLettera del neoeletto Presidente della Repubblica
Articolo successivoChe cos’è il paradiso (Purgatorio XXVIII)
Come quella del grande e indimenticato Massimo Troisi... O, se volete, come quella di un bambino che non vuol mangiare la verdura. Oppure come quella del babbo che vuol far divertire i figlioletti. Magari come quella del paziente dal dentista... Prendete tutte queste situazioni, aggiungetene molte altre, diciamo tante quante l'attualità sa offrirne, assoldate una brigata di abili e cinici osservatori, mescolate ben bene gli ingredienti, concentrate il tutto in una sola battuta e guarnite con abbondante ironia: ecco pronta "La smorfia", da servire ogni giorno sulle pagine di "Odysseo". Da assaporare subito, appena sfornata.