????????????????????????????????????

Non basta essere biologicamente concepiti e partoriti e materialmente cresciuti per fare esperienza di autentica figliolanza

Mogli e mariti, fratelli e sorelle si può non averne. Lo stesso dicasi per i figli; eppure la figliolanza è sempre in gioco quando si parla della persona, perché anche se non si hanno materialmente dei figli, si è sempre, necessariamente figli di qualcuno. È un dato di fatto.

Sentirsi figli è un’esperienza impareggiabile. Dico sentirsi perché non basta essere biologicamente concepiti e partoriti e materialmente cresciuti per fare esperienza di autentica figliolanza. Sperimentare la gioia di essere il pensiero fisso di un padre e la preoccupazione continua di una madre…sì, toccare con mano questa cura perpetua, fino alla convinzione che, nonostante tutto e nonostante tutti, c’è e ci sarà sempre qualcuno disposto a dare la vita, nelle grandi come nelle piccole cose, è l’esperienza che rende realmente figli e che, in fondo, fa di un essere umano una persona.

Persona viene da prosopon, lì dove pros indica lo stare di fronte e lo stare di fronte è la condizione di una relazione piena, vera, generativa. È uno stare faccia a faccia, con il viso rivolto verso l’altro senza timore, senza soggezione, senza odio; è la posizione nella quale risplende la dignità. Risplende, perché comunque vadano le cose nella vita di qualcuno la dignità c’è e resta per sempre.

L’atto del concepimento è grande per questo incontro frontale, alla pari; l’amore mette di fronte, eguaglia senza livellare, fà l’unione mantenendo la distinzione e la peculiarità, tutela l’incontro come cifra di un’umanità realizzata nella sua più alta vocazione: il dono di sé.

Ma fare un figlio è molto più che unirsi. Avere figli è molto più di un diritto da pretendere accanto agli altri. E diventare figli è il cammino di tutta una vita.

Uno dei possibili modi per dire figlio è liber. La figliolanza è sempre esperienza di liberazione da qualcosa: dal monadismo, sconfitto dal due da cui si proviene; dall’illusione dell’autosufficienza, travolta dal flusso di generosità del seno materno; dai sogni di potenza fino all’autodistruzione, contenuti (si spera) dall’autorità genitoriale, quella paterna in particolare; dall’egoismo, sfidato da questa genetica vocazione al dono.

Un figlio la libertà la insegue, la conquista e la perde da quando nasce: si libera da un cordone per imparare a liberarsi da tanti altri lacci, in casa e fuori casa; si libera dalle mani degli adulti per imparare a camminare, correre, cadere e rialzarsi; si libera dalla pretesa genitoriale dell’immagine e somiglianza, nella quale l’adulto pretende di imporre i propri sogni e progetti (soprattutto quelli irrealizzati), e combatte la sua battaglia per affermare il proprio diritto ad essere diverso, come dice Recalcati; si libera soprattutto quando varca la soglia di casa per costruirsi un futuro e scopre, magari, come la solitudine non sia l’esatta traduzione della libertà inseguita. E allora si libera dalle fantasie e fa pace con le idee, con le autorità rifiutate e scopre, nel riequilibrare i rapporti con i genitori, che nessuna libertà è sganciata dalle regole e dai confronti. Come Telemaco, sperimenta che la sua Itaca è libera solo con l’autorità paterna al proprio interno. Un figlio deve arrivare a questa consapevolezza: da qui dipenderà il suo essere seminatore di vita, materialmente e/o spiritualmente.

Non importa quanti figli si mettono al mondo: la persona sempre è chiamata, nei modi più impensabili e nei luoghi più inesplorati, a riversare sugli altri la vita ricevuta, a generare qualcuno e qualcosa. Penso agli insegnanti, i quali magari hanno due, tre, quattro figli naturali…e poi intere generazioni di figli acquisiti tra i banchi di scuola; penso ai medici e alle grandiose potenzialità della scienza che, attraverso le loro mani, i loro cervelli, i loro cuori, ridanno vita alla vita una, dieci, cento volte; penso a tanti preti innamorati del proprio ministero, nullatenenti e padri, padri pieni di figli che per sempre saranno loro grati per un gesto, una parola capaci in un determinato momento di partorirli di nuovo.

E gli esempi potrebbero andare avanti all’infinito.

La sfida, però, è tornare continuamente figli, ricollocarsi sempre in quella dipendenza, in quell’innocenza, in quello slancio anche ribelle tipici della figliolanza. Perché la capacità generativa cui la persona è chiamata si prova nel fuoco di questa esperienza antropologica comune ed irrinunciabile: nelle sue ferite, nelle sue morti, nelle sue risurrezioni abita la forza e la possibilità di ridonare la vita ricevuta. Il canale da cui l’umanità tutta è stata partorita ad una vita completamente rinnovata, del resto, è il costato trafitto, aperto di un figlio donato: il Figlio di Dio.

Leggi gli altri articoli di Controsenso


Articolo precedenteDEF del Governo o buco nero?
Articolo successivoIl crocifisso di Wurzburg
Michela Conte
“Ecco la grande attrattiva del nostro tempo: penetrare nella più alta contemplazione, e rimanere mescolati fra tutti, uomo accanto a uomo” (Chiara Lubic): sono una studentessa specializzanda in antropologia teologica presso la Facoltà Teologica Pugliese, con una grande passione per la vita e per le persone! Sono fermamente convinta, infatti, che i limiti di questa esistenza irripetibile rechino in sé una bellezza straordinaria e una reale possibilità di compimento. Per questo, da anni, scrivo: per cercare di dare voce a tale bellezza …e contemporaneamente per rendermi conto che non tutto può essere adeguatamente espresso, che a un certo punto è necessario fermarsi di fronte a questo mare sconfinato e misterioso che è la persona, un mare in cui, nonostante tutto, “è dolce il naufragar”. Per Dio. Per l'uomo stesso. Per me.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.