di Isabel Allende

La scrittrice in questo romanzo ci mette a conoscenza del torbido e lungo periodo vissuto in Cile dopo il golpe di Pinochet.

Il colpo di Stato da parte dell’esercito e della polizia nazionale avvenuto l’11 settembre 1973 che ha rovesciato il governo democraticamente eletto presieduto da Salvador Allende.

Una dittatura feroce, repressiva quasi fino all’inverosimile.

In questo sottofondo drammatico incontreremo Irene e Francisco impegnati nella ricerca di una ragazzina scomparsa e loro malgrado si troveranno a fare scoperte sconvolgenti che cambierà loro la direzione del proprio destino.

La scrittura dell’Allende scorre lieve, delicata, lasciandoci lunghe ed esaustive descrizioni che mostrano una poeticità unica anche nelle immagini più cruente. Il dolce miele salvifico dei sentimenti, si mescola al “realismo magico“, tecnica descrittiva in cui gli avvenimenti strani, assurdi o paranormali vengono riportati come eventi normali.

Un racconto che ci svela l’animo tenero e provato di Isabel, donna straordinariamente forte. Ecco cosa è per lei la scrittura: “Per me la scrittura è sempre stata terapeutica, perché mi permette di esorcizzare alcuni dei miei demoni, trasformando in forza gran parte del dolore e delle sconfitte. Di certo scrivo perché mi piace, perché se non lo facessi la mia anima inaridirebbe, e morirei.”

Ogni romanzo di questa scrittrice non è semplicemente un romanzo ma un pezzo del suo cuore.


Articolo precedenteLA CIABATTA LADRA
Articolo successivoLuigi Proietti detto Gigi
Mi chiamo Monica Fornelli e scrivo sin da piccolina. Sono una docente di francese appassionata di somatopsichica; lo stare bene per me è essenziale per cui da sempre scrivo per “ricrearmi” un mondo ideale in cui tuffarmi e potermi riequilibrare abbracciando me stessa e al contempo abbracciare virtualmente chi vorrà leggermi. Ho partecipato a vari concorsi nazionali e internazionali tra cui “Il Papavero d’Oro“, “Levante” indetto dalla rivista Radar Sei, “On the air”, “Nino Palumbo”, ottenendo vari riconoscimenti e menzioni in giornali locali come “la Gazzetta del Mezzogiorno“ e “Meridiano Sud”. Alcune mie poesie sono presenti in antologie quali “Fiori Amori” e “Le stagioni” ed. Barbieri; “Parole senza peso” ed. Writers, “Nitriti al vento“ ed. La Conca, “Il Federiciano” ed. Aletti. Nel 2011 è uscita la mia prima raccolta dal titolo “I colori della vita” (ed. Albatros) presentata anche alla fiera del libro di Torino.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.