«Alcune persone non impazziscono mai. Che vite davvero orribili devono condurre»
(Charles Bukowski)

«Ci hanno deriso e hanno detto che eravamo dei pazzi! Avevano ragione, però! Perché se non sei pazzo non fai nulla. La bellezza della follia!»: mi ha scritto così, giorni fa, una adorata lettrice e …le ho promesso un caffè!

Detto, fatto, mi dirai. E già. È che il tema della follia mi è caro da tempo. Ricordi? Ho già citato Leo Buscaglia in uno dei nostri appuntamenti. Avevo 16 anni quando ho letto Vivere, amare, capirsi e vi ho trovato una frase che mi ha segnato: «Essere considerati pazzi, ti dà una grande libertà d’azione».

Sempre a 16 anni, ho intrapreso il mio personalissimo viaggio nella vita e nelle opere di Simone Weil: è stato amore a prima vista. Pensa, quasi 20 anni fa, usciva il mio Simone Weil. La ragionevole follia d’amore, altra tappa di un non breve percorso …Come vedi, la follia è di casa da queste parti. Punto. Fine delle imperdonabili autocitazioni!

Ora, però, parliamo della tua, di follia. Dimmi, o meglio, rammenta a te stesso, a te stessa: quand’è l’ultima volta che hai inseguito un sogno? Quando hai fatto qualcosa che tutti ti sconsigliavano? Quando, hai dato ascolto al tuo cuore contro ogni evidenza e ogni convenienza? E quanto ti sei sentivo vivo, o viva, e felice per averlo fatto? Se dovessi fare oggi il bilancio della tua vita, saresti in grado di confessare fedeltà alle tue aspirazioni, a un ideale, perlomeno a un’idea?

Che poi: quando scrivo “fedeltà”, non intendo che il sentiero si sia snodato in modo lineare – non sono ingenuo fino a questo punto. Penso piuttosto ad un orientamento mantenuto a dispetto degli alti e bassi, a prescindere dalle soglie attraversate. Oltre le porte.

Ecco, è un po’ questa la follia di cui ti parlo. E credo sia la medesima di cui Freud ha scritto: «Il pazzo è un sognatore sveglio». Prima di lui, Erasmo da Rotterdam: «Le idee migliori non vengono dalla ragione, ma da una lucida, visionaria follia».

Non mi sembra una direzione diversa da quella percorsa da Alda Merini, che ci scrive del suo e nostro manicomio: «Ero matta in mezzo ai matti. I matti erano matti nel profondo, alcuni molto intelligenti. Sono nate lì le mie più belle amicizie. I matti son simpatici, non così i dementi, che sono tutti fuori, nel mondo. I dementi li ho incontrati dopo, quando sono uscita».

No, la follia in cui speriamo non ha nulla a che fare con la demenza né con cliniche psichiatriche: neppure con le sbarre dietro cui si rinchiudono quanti credono alla monotonia, i rassegnati, i profeti del “si è fatto sempre così”, o anche del “munnu ha statu e munnu sarà”. Gli equilibristi, i noiosi, di cui Bertrand Russel scrive: «L’equilibrio tranquillizza, ma la pazzia è molto più interessante».

Ecco, la follia in cui vogliamo credere è quella di chi sceglie una esistenza interessante e interessata. Di più: appassionata. Perché ci vuole proprio passione. E non c’è vita se non si è mai capaci di smarrirsi in una lucida e folle risata.

Magari pensaci. Potrebbe essere che ti faccia del bene.

Il caffè di oggi lo chiude Frida Kahlo: «Vorrei essere dietro il sipario della follia: mi occuperei dei fiori, dipingerei l’amore, il dolore, la tenerezza e riderei dell’idiozia degli altri e tutti direbbero: poverina, è matta. Soprattutto riderei di me. Costruirei un mondo che, finché vivessi, andrebbe d’accordo con tutti i mondi.».


FonteDesigned by Eich
Articolo precedenteLa Puglia è uno stato d’animo
Articolo successivoClamoroso! Salvini non vuole tornare a scuola!
Paolo Farina
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba.Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.