Proposta un’indagine a consumatori, produttori e allevatori

EIT Food è una comunità di innovazione che mira a realizzare un sistema alimentare costituito da cibo sano e sostenibile per tutti. L’HUB Italiano di EIT Food, rappresentato dall’Università degli Studi di Bari Aldo Moro e dall’Impact Hub Siracusa, ha dato avvio a una partnership con l’Università di Torino e i suoi partner spagnoli e portoghesi AN group, BeYou e Food4Sustainability, con l’obiettivo di uno studio finanziato dal Programma EIT Food dal titolo FEEL Local. Tale progetto mira allo sviluppo di strumenti e competenze professionali che permettano di diffondere le migliori pratiche agricole e sviluppare la comunicazione tra consumatori e produttori (ovvero la filiera corta).

Dall’empowerment (cioè potenziamento, presa di coscienza e accrescimento del proprio potenziale) della filiera corta e dalla comunicazione tra le parti in questione nascerà una piattaforma “multistakeholder”, grazie alla quale saranno in contatto produttori, rivenditori (HORECA e negozi specializzati) e consumatori; in tal modo potranno avvenire le attività di comunicazione e promozione dei prodotti locali.

Una ricerca condotta per tale iniziativa dal Dipartimento di Scienze Veterinarie e dal Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari di UniBa con il supporto del Dipartimento di Culture Politiche e Società, dell’Università di Torino, ha consentito di realizzare due questionari conoscitivi per produttori, allevatori e consumatori. Tali questionari hanno più finalità: recepire informazioni sulla consapevolezza degli imprenditori della catena agroalimentare del valore delle proprie attività, individuando i punti di forza e di debolezza per giungere ad una produzione locale più sostenibile e di successo; studiare la percezione, la consapevolezza e le opinioni dei consumatori sui sistemi di produzione locale e sulla qualità dei prodotti alimentari locali. Con le informazioni ottenute (che saranno utilizzate per fini scientifici), sarà realizzata una piattaforma finalizzata alla promozione della produzione locale; in aggiunta, grazie all’analisi dei feedback, gli esperti potranno progettare workshop su misura per le esigenze dei produttori locali della catena agroalimentare. Ogni risposta risulterà anonima, non sarà utilizzata a scopo di lucro e solamente il gruppo di ricerca operante nello studio avrà l’accesso ai dati.

Per poter prender parte all’indagine è possibile l’accesso ai questionari tramite i seguenti link:

  • Consumatori:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSdrW5w-tPngM5u1rMiKjSP8WwEZONfr1AE3ecgEeimnbhmdSQ/viewform?_ga=2.90793434.1329252951.1653389209-213608104.1569321001

  • Produttori e allevatori:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSebIp1KUgZ1TZUJwgIP_OqrJm_jtFzSR2oBjokch7ZvJSbVWA/viewform?_ga=2.2729072.1329252951.1653389209-213608104.1569321001


Articolo precedenteL’importanza della parola (Paradiso XII)
Articolo successivoChissà dove vanno le parole non dette
Nato a Bari nel 2003, vive e frequenta il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” a Bisceglie. Si definisce un amante delle materie scientifiche, pratica il calcio amatoriale e l’attività fisica e tifa per il Milan, per il quale nutre una autentica venerazione. Ama il mare e la campagna, il buon cibo e la vita all’aria aperta. Musicalmente preferisce ascoltare brani italiani, in special modo quelli di Ultimo e Tommaso Paradiso, ma ascolta anche brani stranieri, come quelli di Shawn Mendes e Bruno Mars. Non rinuncia mai ad una serata in compagnia di amici, specie se sono quelli con i quali è facile parlare di sport ma anche di altri piaceri come quelli de la bonne vie. Desidera viaggiare e visitare in particolare le città d’arte. Scrive per esternare le sue passioni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.