Che accade se le parole di un ministro offendono l’umanità…

Nessuno di noi possiede ricette miracolose per risolvere il problema delle grandi migrazioni che stanno interessando l’intero pianeta. Tempo fa fu chiesto al Dalai Lama di pregare per la soluzione di questo problema, e sua santità rispose, con l’inconfondibile sorriso insieme ironico e intelligente che lo contraddistingue: «Non c’è niente per cui pregare, è un problema che hanno creato gli uomini e spetta agli uomini risolverlo».

Gli enormi spostamenti umani cui stiamo assistendo sono semplicemente il sintomo di un male molto più grande che è l’abissale divario tra popoli ricchi, che ammontano a circa l’undici per cento della popolazione mondiale, popoli in cui le persone hanno cibo più che sufficiente, hanno scuole, ospedali, sicurezza sociale, diritti, tutti quei benefici di cui gode l’Occidente, e popoli poveri, dove non esiste sicurezza del cibo, dell’assistenza medica, non esiste certezza dei diritti, popoli spesso dilaniati da guerre civili, da pesanti discriminazioni religiose, etniche, dove vivere è davvero difficile.

È sorprendente notare come i governi siano preoccupati e interessati a curare il sintomo, e nessuno si sia mai preoccupato di cercare una strada che possa tentare di colmare l’enorme distanza che separa la parte ricca dell’umanità da quella povera e poverissima. La realtà è complessa e complicata, e pensare di risolvere questi problemi semplicemente respingendo le navi, o erigendo muri, o stendendo fili spinati, o prendendo a cannonate i barconi o elettrificando il mare, è davvero ridicolo.

Per l’Italia rappresenta certamente un problema, sebbene non sia una vera emergenza, essendo le emergenze il lavoro ai giovani, le pensioni, una sanità ormai allo sfascio e che funziona solo per i ricchi, l’evasione fiscale, la corruzione. Tuttavia ormai viviamo il problema dell’immigrazione come fosse un’emergenza, bombardati da continui proclami, minacce, un clima che induce alla paura e all’odio buona parte della popolazione, quella meno attrezzata culturalmente.

Le soluzioni toccano alla politica, ma siamo convinti che soluzioni ispirate dall’odio, dall’intolleranza, siano sicuramente sbagliate. Così quando il ministro dell’Interno della nostra Repubblica il 5 giugno di quest’anno ha pronunciato la famosa frase “la pacchia è strafinita per chi ha mangiato per anni alle spalle del prossimo, ci sono 170 mila presunti profughi che stanno in albergo a guardare la tv”, personalmente ho avvertito un moto di ripulsa davanti a parole così gravi pronunciate da un ministro della Repubblica e riferite a disperati che attraversano i mari e spesso vi affogano, ho sentito una mancanza di rispetto per esseri umani in tutto uguali a noi, soltanto nati nella parte sfortunata della terra, un pensiero superficiale, rozzo, una ignoranza nei sentimenti che mi è venuto spontaneo reagire scrivendo una poesia dal titolo “Rumba della vera pacchia”.

Insieme ad altri autori dirigo una rivista di poesia, Versante ripido, che ora è anche associazione culturale, fin dal 2012. Mi è sembrato opportuno condividere questa poesia negli spazi facebook della rivista, e subito si sono accodate le opere di altri poeti che avevano istintivamente avvertito lo stridore terribile di quella frase, la sua evidente falsità, la mancanza di umanità nei confronti di persone offese già da un destino avverso.

In pochissimo questa reazione di istintivo sdegno e presa di posizione ha coinvolto trentacinque autori. I poeti hanno il compito di essere la voce critica della nazione, di rappresentare non solo la proposta estetica, ma anche la coscienza etica di un popolo. A quel punto Claudia Zironi, che è una delle fondatrici di Versante ripido, ha pensato che questa voce collettiva dei poeti dovesse vedere la luce e testimoniare una contrarietà, l’opposizione ferma di quella parte di popolazione che antepone il rispetto delle persone e la cura delle persone e la vita delle persone, a qualsiasi ragione di stato, a qualsiasi PIL, a qualsiasi menzogna del potere.

Così è nata l’antologia “La pacchia è strafinita”, a cura di Versante ripido, che finora è stata presentata a Imola, a Bologna, e sarà presentata in moltissime città italiane, e anche a Bisceglie, all’interno della rassegna Libri nel borgo antico, il 26 agosto prossimo, e a Barletta, in luogo e data ancora da definire.

All’interno dell’antologia sono presenti quattro autori barlettani, Paolo Polvani, Rita Ceci, Francesco Prascina, Francesco Paolo Dellaquila, due autori ruvesi, Luana Lamparelli e Vincenzo Matropirro, un autore barese, Franco Intini, e poi autori di ogni parte d’Italia, e un poeta iracheno, Gassid Mohammed, professore di lingua e letteratura araba nelle università di Macerata e di Bologna.

L’intento di questa antologia non è fornire una soluzione al problema delle migrazioni, ma sottolineare quanto siano importanti le parole, quali enorme carica posseggano al loro interno, e come sia pericoloso cedere al ricatto della paura e dell’odio, della intolleranza e della ignoranza.

Di seguito proponiamo alcuni testi:

 

Rumba della vera pacchia

La prima vera vera pacchia è ignorare la complessità

le implicazioni le complicazioni la concatenazione delle

cause

e sì, una grande pacchia l’attraversamento dei deserti

quando

l’unica prospettiva è guardare il muro della fame e

aspettare

soltanto di finire, ah che pacchia pacchia quando il mare

t’inghiotte

e ti risucchia e ti risputa in forma di poltiglia, in placche

di carne e ossa che l’acqua spolpa in sussurri, in gargarismi

e garruli rigurgiti che pacchia pacchia prendere l’umanità

e pestarla, calpestarla, frantumarla che tanto noi c’abbiamo

l’acqua

e c’abbiamo filo spinato quanto basta e c’abbiamo il grido

delle truppe e i voti e gli stendardi e i baluardi e i crocifissi

da appendervi voi tutti che invece c’avete soltanto fame e

occhi

disperati e che pacchia pacchia non avere neanche un

piccolo orto

per piantarci i semi del rimorso che pacchia ignorare

il pianto delle madri che pacchia il pil che sale e il sale

che incrosta le ossa in fondo al mare che pacchia i

respingimenti

se te ne stai al sole e sei in vacanza che pacchia dire

ma questi tutti col telefonino e certe pretese e certa fame!

 

che pacchia affilare le armi e sprofondare dentro sonni

tranquilli

che pacchia il buio e la ferocia senza pentimenti che pacchia

questa tremenda notte che c’inghiotte

 

Paolo Polvani

 

  • * * * *

Pacchia bambina

Aylan, Sajida, venite

di biscotto è la barca sul mare

caramello le vele ed i remi

cioccolato la stiva e i sedili

È una pacchia una pacchia davvero

acqua fresca ed arance per tutti

non tremate son solo dei flutti

e tra poco farete gluglùùù

Ma dai, c’è la mamma balena

e papà pescecane che gioca con te

che pacchia sarà tutto un trito

poltiglia in pastiglia la pappa sarà

Si gioca alla pesca del mare

le reti son piene di già

calzoncini dai mille colori

sandaletti spaiati a metà

Quando poi siete stanchi alla riva

sonni eterni potrete dormire

far la nanna definitiva

una pacchia da far impietrire.

 

Rita Ceci

 

  • * * * * *

Pacchia l’ho cercata sul vocabolario consumato dalla mia

voglia di imparare.

“Condizione di vita piacevole, senza preoccupazioni o

problemi”

ho letto e subito dopo ho stretto i pugni e le mascelle fino a

farmi male.

Ho rivisto mia madre che piange per la mia partenza, lo

sguardo velato di mio fratello più piccolo che trattiene le

lacrime, perché gli ho insegnato ad essere forte. Ho

rivissuto il momento in cui ho imbarcato i miei sogni e il mio

corpo come bagaglio necessario. Ho riascoltato il pianto dei

bambini, la nenia sfinita delle madri, il tonfo dei corpi

gettati in mare. Il mio naso si è riempito nuovamente

dell’odore di nafta, di morte, di escrementi e piscio.

Mi sono visto ancora sul dorso della notte, mentre i miei

occhi chiedevano di respirare oltre quel velo nero che aveva

inghiottito il giorno. Mi sono ricordato che al confine con il

nulla il tempo batte afono e non misura la distanza

dall’alba.

Mi è sembrato di ascoltare preghiere raccolte su labbra

bruciate dal sale, dal sole.

Poi ho chiuso il vocabolario e sono andato a

spaccarmi la schiena per 3 monete all’ora, perché mio padre

mi ha insegnato a custodire la mia dignità. E per la dignità

mia e dei miei fratelli mi sono sempre battuto, prima che un

fragore mi portasse via, mentre

stringevo un pezzo di lamiera e questa vita

amara che non è stata pacchia mai.

 

Francesco Prascina

 

  • * * * * * *

La pacchia… è finita la pacchia…

 

La pacchia… è finita la pacchia…

da questi o da quelli adesso avranno o daranno altro,

o forse nulla.

La pacchia attraversa la stanza da parte a parte

c’è il canto del passero che di pacchia vive

soprattutto al mattino

come c’è anche la pacchia di chi beato

dorme in carrozzino,

così come la pacchia di quelli che stanno sul pelo del mare

che pure pacchia è per dondolio di morte tutta e

solo per loro.

Ma meglio ancora sarà pacchia festaiola per i pesci

che famelici non sono solo loro

ma anche quelli che per tanta pacchia faranno soldi.

Pacchia, pacchia, che pacchia è quella nera

che lascia la terra nera

e trova una pacchia nera sotto i ponti senza sostanza

e senza sosta.

Poi c’è anche la pacchia dell’ingegnere lavavetri che Paolo

chiama Aziz,

ed ancor più c’è la pacchia, quella invisibile,

una pacchia meravigliosa, sconosciuta e silenziosa,

ed è quella pacchia che si gode nei gesti dei clochard

sotto le arcate a Palermo, Milano, Torino, Roma

e ovunque e dovunque.

Nessuno la vede e la sente,

è una pacchia di vita sotto le arcate costruite apposta

per fare la pacchia!

La pacchia… è finita la pacchia…

 

Francesco Paolo Dellaquila


Fontehttps://i.ytimg.com/vi/zutJdxGWy0Y/maxresdefault.jpg
Articolo precedenteCambiamento o Prima Repubblica?
Articolo successivoL’uva bella
Paolo Polvani
Paolo Polvani è nato nel 1951 a Barletta, dove vive. Ha pubblicato i seguenti libri di poesia: Nuvole balene, ediz. Antico mercato saraceno, Treviso 1998; La via del pane, ediz.Oceano, Sanremo 1999; Alfabeto delle pietre, ediz. La fenice, Senigallia, 1999; Trasporti urbani, ediz. Altrimedia, Matera 2006; Compagni di viaggio, ediz. Fonema, Perugia 2009; Gli anni delle donne, e-book, edizioni del Calatino, 2012. Un inventario della luce, ediz. Helicon 2013. Cucine abitabili, Mreditori, 2014 Una fame chiara, edizioni Terra d’ulivi, 2014. Sue poesie sono state pubblicate da numerose riviste, tra cui: Anterem, Steve, L’immaginazione, Il filo rosso, La Vallisa, Portofranco, La corte, L’area di Broca, Le voci della luna, Offerta speciale, Quinta generazione, L’ortica; e su numerosi blog, tra cui: Carte sensibili, WSF, Fili d’aquilone, Poiein, Corrente improvvisa, La presenza di Erato, Poliscritture, La bella poesia. E’ presente in molte antologie, tra cui: Dentro il mutamento, edito dalla casa editrice Fermenti nel 2011 e in varie antologie tematiche, tra cui Il ricatto del pane, ed. CFR, Rapa nui, ed. CFr, e 100 mila poeti per il cambiamento, Albeggi editore. Ha vinto diversi premi di poesie. E’ tra i fondatori e redattori della rivista on line Versante ripido, che pubblica alcuni tra i poeti più interessanti del panorama letterario italiano e internazionale. Fa parte dell’associazione Autorieditori che promuove la pubblicazione e la diffusione della poesia.

1 COMMENTO

  1. Prepariamoci a una lunga Resistenza, in un Paese che non riconosce il fascismo perché ha perduto la Memoria.

Comments are closed.