Quando avrò un figlio, vorrei saperlo proteggere dagli errori che ho fatto io, dirgli:

«Figlio mio, sii sempre integerrimo, ma impara a far valere la giustizia con parole dolci.
Non mollare mai, ma accogli la sconfitta come punto di partenza.
Pensa a ciò che non sai fare come nuovo obbiettivo, ma abbracciati per tutte le cose che già sai e che apprenderai.

Coltiva le persone come preziosi boccioli di fiori pregiati, ma non lasciare che l’amore per gli altri logori quello per te stesso.
Studia, e fa in modo che la fortuna sia l’incontro fra l’occasione e la preparazione.
Abbi tanta empatia, ma non soccombere sotto il peso delle emozioni.

Stringi forte la gentilezza, ma non farti mettere i piedi in testa da nessuno.
Ascolta la tua mamma, e apprendi tutto ciò che puoi dagli errori degli altri, poi fanne di tuoi, per avere più terra camminata, e rivedere posti con la serenità di chi ha affrontato più mostri possibili e ci sa camminare a braccetto senza sentirsi minacciato.

Valuta il giudizio degli altri per quello che è, perché rispetto a quello che tu hai per te stesso è nullo. Ma non essere troppo autocritico perché questo non ti aiuta.
E sappi che la tua mamma ti trova comunque perfetto, perché sei frutto di splendide tempeste, dove poi è sopraggiunto il sole».


Articolo precedenteIl servizio televisivo pubblico e l’ora di inglese
Articolo successivoLa lotta all’apartheid dello Zulu Bianco, Johnny Clegg
Virginia Di Vivo
Sono Virginia Di Vivo, una ragazza come tante altre. Mi piace lo sport. Da quando ho 4 anni gioco a calcio, ma ho ottenuto le mie soddisfazioni anche nel judo dove ho conquistato la cintura nera prima di rompermi le clavicole. Ho tanti interessi, per esempio suono il pianoforte, mi piace molto l’arte e la letteratura e sono innamorata della Medicina. Ho molto da studiare. Ho 26 anni, vivo a Parma, che sento come la mia città, ma sono nata in un piccolo paese in provincia di Napoli, da genitori napoletani. Tutto ciò che sono è frutto del loro lavoro e un giorno vorrei dare loro indietro tutto ciò che loro hanno dato a me. Ho un motto, che mi ha insegnato il mio migliore amico, recita: “Studio tutto il giorno, per avere tutto, un giorno”. Sono molto innamorata dell’amore (sempre “colpa” dei miei), non ho ancora mai capito se preferisco la razionalità o la filosofia. Mi piacciono le persone e cerco sempre di giustificare tutti, andando alla ricerca del perché delle cose, mi aiuta molto la logica, anche se a volte può essere limitante, però è una zona di comfort alla quale non voglio rinunciare. Questo non esclude che a volte io decida di non usarla e dedicarmi all’empatia e all’istinto, che penso siano altrettanto irrinunciabili. Spero un giorno di riuscire a metterli nel mio lavoro. Dalla seconda elementare, come mi racconta sempre mia madre, dico di voler fare “il medico del cuore”, che nel corso degli anni si è meglio definito nella figura del cardiochirurgo. Da un annetto a questa parte sono indirizzata verso la cardiochirurgia pediatrica, che a mio avviso è più interessante dal punto di vista clinico e si sposa abbastanza bene con la mia attitudine. Adoro il profumo dei libri, le camminate in montagna, il silenzio dei musei, il mio fratellone e il mio cane e dico solo queste cose perché non penso sia opportuno andare ad elenchi puntati quando si parla di ciò che si ama e in questo contesto non ci si può dilungare in descrizioni poetiche. Non saprei bene cos’altro dire di me, anche perché ci sono giorni in cui scopro cose nuove che manco sapevo!

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.