“Amore”, di Shaun Usher

Leggere delle lettere è un po’ entrare nell’intimità delle persone e se queste persone sono dei personaggi celebri e famosi allora l’emozione si quadruplica non perché il mondo intimo della gente comune sia meno entusiasmante o toccante, semplicemente perché leggere le onde dei sentimenti di coloro che hanno fatto storia e hanno lasciato un’impronta indelebile nel tempo provoca una trepidazione quasi inconsapevole.

Ci si ritrova a condividere il loro stesso sentire, a commuoverci nell’esperire attraverso la semplice lettura sentimenti grandi, solidi nella loro spontaneità quanto sono grandi coloro che li nutrono. Esempi di genuino amore passionale, amichevole, paterno, un coacervo di umanità vera.

Così i grandi come Frida Khalo, Steinbeck, Beethoven, Nelson Mandela, Napoleone Bonaparte e tanti altri per un istante diventano come noi, li sentiamo più vicini, impariamo ad empatizzare con coloro che si mostrano attraverso la fragile forza dei sentimenti universali.

È questa la vita, lasciare la propria impronta grazie ad un sentire semplice e vero senza barriere o infingimenti.

Una lettura piacevole, tenera, arricchente che pagina dopo pagina fa sorridere, meravigliare e provare anche invidia perché essere sia autore che oggetto di tali sentimenti è una fortuna e permette di affrontare la vita profondamente senza alcuna aridità causata dall’estremo individualismo che oggigiorno ci attanaglia.


Articolo precedenteLettera aperta: per uno straccio di pace
Articolo successivoI Cento caffè di carta di Paolo Farina
Mi chiamo Monica Fornelli e scrivo sin da piccolina. Sono una docente di francese appassionata di somatopsichica; lo stare bene per me è essenziale per cui da sempre scrivo per “ricrearmi” un mondo ideale in cui tuffarmi e potermi riequilibrare abbracciando me stessa e al contempo abbracciare virtualmente chi vorrà leggermi. Ho partecipato a vari concorsi nazionali e internazionali tra cui “Il Papavero d’Oro“, “Levante” indetto dalla rivista Radar Sei, “On the air”, “Nino Palumbo”, ottenendo vari riconoscimenti e menzioni in giornali locali come “la Gazzetta del Mezzogiorno“ e “Meridiano Sud”. Alcune mie poesie sono presenti in antologie quali “Fiori Amori” e “Le stagioni” ed. Barbieri; “Parole senza peso” ed. Writers, “Nitriti al vento“ ed. La Conca, “Il Federiciano” ed. Aletti. Nel 2011 è uscita la mia prima raccolta dal titolo “I colori della vita” (ed. Albatros) presentata anche alla fiera del libro di Torino.