La notte dei ricercatori: il “Nuzzi” ospita il Cern

Anche quest’anno, il 28 settembre si rinnova l’appuntamento con “La Notte dei Ricercatori”, l’iniziativa promossa dalla Commissione Europea che dal 2005 coinvolge migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca in tutti i paesi europei.

Il liceo scientifico “R. Nuzzi” contribuirà all’iniziativa con un’esperienza di “virtual visit” al rivelatore CMS (Compact Muon Solenoid), uno dei quattro principali esperimenti dell’acceleratore di particelle LHC dei laboratori CERN di Ginevra.

Si tenterà così di comprendere i principi di base e la struttura del rivelatore di ben 14000 tonnellate, coadiuvati da ricercatori in collegamento audio e video dal punto in cui, a 100 metri sotto il livello del suolo, si incrociano i due fasci di particelle (protoni) facendoli collidere ad altissime energie e studiandone i prodotti generati.

Alunni, genitori e appassionati di fisica e tecnologia potranno partecipare all’evento, guidati dai proff. Ugo Morra e Vito Pice e dalla ricercatrice del CERN – dott.ssa Sonia Natale –, addentrandosi per una sera nel mondo della scienza e della ricerca.

L’appuntamento è nell’Auditorium “Michele Palumbo” alle ore 19.30. La chiusura è prevista per le ore 22.00 circa.


Articolo precedenteCastel dei Mondi. “Sei personaggi in cerca d’autore”: Sinisi alle prese con un capolavoro
Articolo successivoConte, il Fantasma del Gargano
Redazione
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole.Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente.Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo.A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano.Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione.Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…