Sono tantissime le fotografie che scattiamo ogni giorno. Poi cosa ci facciamo?

Sono tantissime le fotografie che scattiamo ogni giorno. Poi cosa ci facciamo? Spesso neppure le riguardiamo, se non in occasioni molto particolari. Eppure sono numerosi i siti che permettono di dare vita ad oggetti di uso quotidiano, gadget, libri e addirittura puzzle fotografici. Il tutto partendo dalle nostre foto, da quelle di un’occasione importante, delle vacanze o delle persone che più ci stanno a cuore. Tutti questi gadget li possiamo sfruttare per utilizzare al meglio le nostre foto, come bomboniere per una celebrazione o anche come regali originali.

Come si fa un puzzle foto
Per poter dar vita a un puzzle con le foto è necessario trovare un sito che ci offra questo tipo di opportunità. Come già detto, sono vari e ognuno di essi propone misure, prezzi e opzioni differenti. Se lo desideri crea il tuo fotopuzzle utilizzando direttamente il software offerto dal sito che lo stamperà in seguito, come quello di Photosi. Non è nulla che si debba installare sul computer, o che necessiti di grande dimestichezza con gli strumenti informatici, anzi. Tali software sono messi a disposizione a titolo gratuito e consentono di posizionare l’immagine scelta all’interno del puzzle, predisponendo un collage tra più immagini, uno sfondo o una cornice particolare. Una volta effettuate tutte le modifiche si può avviare la stampa. In seguito si riceverà il foto puzzle direttamente a casa.

Scegliere l’immagine “giusta”
Per fare in modo che il puzzle con le foto che preferiamo sia effettivamente bello è consigliabile scegliere l’immagine da utilizzare con una certa cura. In modo da dare vita ad un oggetto realmente originale, piacevole e magari anche interessante da regalare a qualcuno. Ovviamente poi ognuno ha i propri gusti, c’è chi predilige le foto naturalistiche, chi invece ama i primi piani delle persone a cui vuole bene o dei propri figli, chi ancora possiede tantissime immagini delle località in cui è stato in viaggio. Alcuni siti permettono di affiancare più immagini, selezioniamole per argomento, o per colore, in modo da dare un senso unitario al collage così ottenuto. Se abbiamo immagini di scarsa qualità possiamo anche valutare l’idea di modificarle leggermente prima di inserirle in un puzzle, in modo da migliorare il contrasto, la definizione o anche l’intera inquadratura. Oggi software che consentono di svolgere questo tipo di correzioni sono moltissimi, alcuni anche completamente gratuiti.

La forma e le dimensioni del puzzle
Si fa presto a dire puzzle, quando in realtà si tratta di un’intera tipologia di oggetti. In effetti i siti che consentono di stampare le nostre immagini su un puzzle permettono di scegliere tra puzzle molto piccoli, con meno di 50 pezzi, fino ad arrivare ai rompicapo per appassionati del genere, con oltre 1.000 pezzi. Oltre a cambiare il numero di pezzi variano anche le dimensioni e il tempo necessario a completare il puzzle. Se si intende fare un regalo ricordiamoci di selezionare le dimensioni del puzzle secondo le preferenze di chi riceverà il dono: non tutti amano dedicarsi per ore a questo tipo di passatempo.

Il foto puzzle come bomboniera
Spesso capita di ricevere, per i matrimoni o i battesimi, bomboniere del tutto inutili, che contengono ninnoli in argento o barattoli di spezie bizzarre. Un’ottima idea per una bomboniera carina e divertente è proprio quella di preparare un foto puzzle per tutti gli invitati. L’immagine da inserire nel puzzle sarà da scegliere in modo concorde alla celebrazione: ad esempio per un battesimo la foto del bimbo che riceve il sacramento è la soluzione più adatta. In questo caso si preferiscono i puzzle più piccoli, delle dimensioni di una piccola fotografia, che possono essere consegnati già costruiti, in una busta di carta naturale.


Articolo precedenteSettimana Sanremo-Iraq: da questo rock si rifondi ogni chiesa
Articolo successivoInno alla bellezza
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole.Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente.Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo.A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano.Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione.Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…