AL VIA IV EDIZIONE NELLE SCUOLE DEL PREMIO “MICHELE PALUMBO”

Al via la quarta edizione del Premio Giornalistico “Michele Palumbo”. Lo ha deciso l’assemblea del Circolo della Stampa “San Francesco di Sales”  tenutasi nei giorni scorsi.  Insieme ad alcuni adempimenti formali, l’assemblea  – convocata dal presidente Vincenzo Rutigliano e svoltasi nella sala tv dell’Oratorio Salesiano di Andria, sede legale sin dal 2009, anno di costituzione del sodalizio,del Circolo – ha anche ufficializzato la disponibilità ad avviare, ed alimentare, la sezione Giornalismo della Biblioteca Comunale. Nelle settimane scorse era stata  infatti comunicata all’assessore alla Cultura, Daniela Di Bari, la volontà del Circolo di tenere, all’interno dello spazio dedicato a Michele Palumbo  nell’ambito di un progetto regionale chiamata Sthar Lab nella Biblioteca Ceci, una sezione con testi, studi e analisi sul giornalismo, new media, comunicazione e tutti gli articoli che hanno concorso, sinora,  al Premio giornalistico.Nei prossimi giorni dunque i soci del Circolo  -secondo le indicazioni del Comune –  potranno  portare nella Biblioteca i testi e le analisi utili ad alimentare questa sezione specifica che  potrà poi essere visitata dagli studenti dei due Licei cittadini nei quali si terrà la parte del Premio “Michele Palumbo” riservata al Classico e allo Scientifico.
Tra le iniziative in cantiere, vi è anche  la partecipazione del Circolo alla cerimonia di intitolazione, il 19 aprile, del rondò al Prof. Pasquale Massaro, decano dei giornalisti andriesi fino alla sua scomparsa, corrispondente de La Gazzetta del Mezzogiorno, dell’Ansa e della Rai .

Il Circolo ha pure assicurato ogni collaborazione necessaria al Premio giornalistico dedicato a Mario Colamartino, collega scomparso nel 2023, iniziativa promossa dal gruppo LiveNetwork e dal giornale Lo Stradone di Corato.
L’assemblea ha  pure ratificato la proposta di nominare soci onorari del Circolo i magistrati dr.Renato Nitti del Tribunale di Trani ed il dott. Giovanni  Abbattista del Tribunale di Bari,  l’avvocato Giangregorio de Pascalis, Presidente della Camera Penale di Trani,  ed il  Prof. Antonio Gusmai, docente dell’università di Bari.
“Il Circolo – commenta il presidente, Vincenzo Rutigliano- prosegue nella sua attività di sodalizio che vive con impegno la realtà territoriale nella quale operano i giornalisti della Bat. Questo spiega, da ultimo, per esempio, la proposta ai 3 comuni co-capoluogo di intitolare spazi pubblici ai martiri del dissenso russo Navalny e Politkovskaja, e la collaborazione avviata  con il Museo della macchina per scrivere di Trani, già sperimentata con successo in occasione di un evento formativo di febbraio scorso organizzato dal Circolo e dall’Ordine dei Giornalisti. Ed altre iniziative sono allo studio”.
Andria, 10.4.24                                                                      Vincenzo Rutigliano

Articolo precedenteGioco d’amore
Articolo successivoDiscernere e abitare i luoghi della cura e della prossimità
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole. Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente. Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo. A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano. Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione. Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here