Maria Marchesi è nata nel Veneto da madre lombarda e da padre friulano. Laureata in Lettere Classiche, difendendo una tesi sul “De rerum natura” di Lucrezio, ha per breve tempo insegnato latino e greco.

Affetta da disturbi psichici, è stata chiusa in un manicomio da cui è stata dimessa solo dopo l’approvazione della Legge Basaglia.

Nella prefazione a “L’occhio dell’ala” di sé stessa scrive: «È una strana vicenda poetica la mia. Scrissi le prime poesie in un ospedale psichiatrico. Scrivevo e strappavo. Trasformavo in versi tutto ciò che mi accadeva, pensavo o percepivo».

Ascolta le poesie tratte da “Evitare il contatto con la luce” e “L’occhio dell’ala”, recitate da Ilaria Drago:

 


Articolo precedenteFesta della mamma sì, ma solo se non c’è simbiosi
Articolo successivoCovid-19. Il fattore di consapevolezza del rischio (Rc)
Ilaria Drago
Ilaria Drago è un’artista indipendente, attrice di riferimento nazionale per il teatro di ricerca contemporaneo profondamente attento al sociale. Ha pubblicato romanzi, raccolte di testi teatrali e poesia. Ha collaborato con alcuni fra i più grandi letterati e musicisti contemporanei (fra gli altri Nanni Balestrini, Paolo Fresu, Luigi Cinque) e con Roberto Latini. Attualmente è tour con diversi progetti fra cui: Transhumance_elogio a perdere, Simone Weil_concerto poetico, Migrazioni_cambiare la fine | senza confini Antigone non muore, Viriditas_tornare vivi. Allieva di Perla Peragallo, ha fatto parte della Compagnia di Leo De Berardinis, studiato ricerca vocale con la cantante Rosanna Rossoni, Kaya Anderson e gli insegnanti del Centre International Roy Hart. Si è formata in Danza Sensibile® con il Maestro Claude Coldy. Vincitrice di premi letterari e teatrali, ha ricevuto il Premio Europa e Cultura per il Nuovo Umanesimo 2019 presso l’Università La Sapienza di Roma. È creatrice del progetto TeatroCoscienza per la crescita dell’essere umano.