Giù le mani dalle radici storiche

La  cancel  culture  si presenta come figlia barbara del vuoto, come una oscurantista idiozia che ciclicamente viene diffusa tra le masse dagli estremisti, e che viene poi difesa da alcuni intellettuali in cerca di spessore.

Viene prescritta come farmaco drogante dalla più irrazionale furia sub-popolare, e suo nemico principale è il discernimento critico sugli eventi storici, periodo per periodo.
Viene sposata, la  cancel  culture,  dai surrogati giacobini di ogni epoca: persino nei partiti dell’establishment  e del politicamente corretto.

Secondo il letterato inglese Samuel Johnson chi ha così poca conoscenza della natura umana, sì da cercare la felicità volendo cambiare tutto tranne il proprio atteggiamento, sprecherà la sua vita con sforzi inutili, aumentando i dolori che si volevano eliminare. Al di là di ogni irragionevole semplicismo, chi fa politica in serio stile e crede di poter incidere in società per sensibilizzare un pezzetto di mondo alle innovazioni civili, deve misurarsi innanzitutto con la capacità di gestire i  propri  cambiamenti.

Come ben diceva Indro Montanelli, riferendosi all’Italia, “a fare la dittatura non è tanto il dittatore, quanto la paura degli italiani e una certa smania di avere un padrone da servire”. Se oggi il padrone da servire veste senza i simboli del potere per antonomasia, ed anzi si confonde nelle masse per sollevarle ad un grido giacobino di cancellazione di tutte le meditazioni culturali precedenti, il diritto di critica diviene il più sacro dei doveri liberali, per gli intellettuali che vogliano sentirsi impegnati nel sociale.

Far evolvere un costume sociale che poi possa sfociare in una tutela giuridica specifica o speciale è un processo storico complesso, utile soltanto se rispecchia o rispetta i più opportuni tempi e modi realizzativi. La  cancel  culture  invece disprezza il dialogo, opprime le identità, soffoca la complessità intellettuale degli individui liberi, assorbendo questi ultimi nelle nebulose masse da mandare idealmente al potere, per poi scoprire che mai ci arriveranno.

La ferocia dell’oblio storico-politico, che la cultura della cancellazione promuove senza saggezze e senza illuminismi, è anti-democratica, sterile, pericolosa. Si pone in contrasto con le sembianze di un Paese ad ordinamento costituzionale pluralista, garantista, che anzi ha il compito di guardarsi dentro per valorizzare le proprie buone radici nella promozione delle libertà dell’io.
Onore alle tante statue purtroppo imbrattate. La vernice usata come arma per imporre un oblio vendicativo, rossa o nera che sia, è un disprezzo alla pace scientifica della cultura, alla felicità degli individui che all’interno dei gruppi riescono ancora a tenersi più o meno fuori dal coro.
Nel luglio 2020, in un momento in cui la società stava sollevando il drammatico problema della violazione dei diritti e delle garanzie della popolazione americana di etnia afro, e nel momento in cui all’interno delle contestazioni si facevano strada alcune infiltrazioni estremiste, circa 150 intellettuali – tra cui spicca il nome di Noam Chomsky – hanno pubblicato una lettera aperta su Harper’s Magazine, con la finalità di discernere sostanzialmente tra drammi e soluzioni drammatiche ai problemi. Se la presunta soluzione crea essa stessa drammi, non risolve il problema.

Nella lettera si avverte il senso di pericolo derivante da una nuova serie di  standard  morali e schieramenti politici che tendono ad indebolire il dibattito aperto, in favore del conformismo ideologico.

Dove arriverà la furia nichilista della cancellazione culturale? Verranno a storcere il naso persino sulle immagini e sulle intestazioni toponomastiche dedicate a San Paolo di Tarso, solo perché secondo il “tribunale” del politicamente corretto una sua frase sul ruolo della donna nel rapporto di coppia genera oggi troppi dubbi?

I dubbi sono sacri e servono a crescere, interrogandosi sempre.

I pesi e i contrappesi garantisti del liberalismo post-contemporaneo, quanto meno, dovrebbero risparmiarci di vedere elevato a Leviatano un sistema che censura le radici pregnanti della nostra civiltà. “Human rights are my pride”? Verissimo, nella misura in cui non si discrimini ingiustamente il diritto alla libera manifestazione dei pensieri.


FontePhoto by Markus Winkler on Unsplash
Articolo precedenteQuando il Giusti mette da parte la satira…
Articolo successivoIl Pianoforte per sempre
Nato l’11.10.1989, giurista, scrittore, poeta e attivista politico “liberalfree”. Vive a Roma, dove opera nel settore della ricerca accademica di storia giuridica. Maturità classica conseguita in Puglia nel 2008, laurea quinquennale in Giurisprudenza conseguita a Roma nell’A.A. 2012/13, e in seguito master di specializzazione forense e corsi di formazione avanzata in varie città, abilitazione alla professione di avvocato nella sessione 2015; cultorato della materia Costituzionalismo e integrazione europea; attività di dottorato di ricerca con borsa in Discipline giuridiche storico-filosofiche, sovranazionali, internazionali e comparate presso l’Università Roma Tre. Autore di varie monografie e saggi di cultura giuridica, conduce interviste e pubblica articoli di cultura politica e sociale su riviste, periodici, giornali. C’è un filo che unisce le sue battaglie civiche per la garanzia e l’evoluzione dei diritti, le sue poesie, le sue prose artistiche e politiche, il suo pensiero sociospirituale progressista, i suoi saggi di diritto vigentista e storico-teorico: l’amore veemente per l’umanità nel suo divenire storico e dialettico.

1 COMMENTO

Comments are closed.