Dovremmo imparare dai bambini

Da Melissa Lisi, 16 anni, iscritta al terzo anno del Liceo delle Scienze Umane di Galatina, riceviamo e pubblichiamo:

Ogni essere umano, fin dai suoi primi anni di vita, è portato a farsi molte domande. A chiedersi il perché di ciò che lo circonda e a cercare con le proprie capacità una risposta alle sue domande.

Ogni bambino è portato ad esplorare, a conoscere, e tutti i suoi comportamenti, che noi definiamo sbagliati, sono il suo modo per crescere e imparare.

Una volta diventati adulti, tutte le domande che ci ponevamo quando eravamo piccoli, tutte quelle curiosità, spariscono. Ognuno fa quello che da un proprio punto di vista deve fare. Ognuno fa ciò che crede giusto fare per realizzare la propria vita e nessuno si chiede mai: “Perché?”

Ogni singola persona nella propria mente si pone moltissime domande, ma mai in relazione con gli altri e con se stessi. Non lo fa forse per paura di non ricevere una risposta o per paura di riceverne una che non è quella che si aspettava.

Come si può vivere così?

Come si può credere di essere dei genitori? Di poter insegnare qualcosa agli altri, se noi siamo i primi che non conosciamo realmente niente della vita ?

Ci sono tantissime domande che io principalmente mi pongo. Tantissime domande alle quali forse non troverò neanche una risposta. Tantissime domande forse troppi inutili. Tantissime domande che ognuno di noi ha il diritto di porsi e che esigono una risposta.

E questo è uno dei diritti fondamenti che abbiamo, ma nessuno se ne rende conto Nessuno ci fa caso perché non si dà mai la giusta importanza a nulla. Perché si prende tutto con troppa superficialità e forse è questo il nostro sbaglio più grande.

Dovremmo imparare dai bambini. Imparare ad essere  come loro.

Le loro domande non sono mai troppo sciocche. Non sono mai a caso. Fanno crescere se stessi e anche noi. Impariamo ad avere la loro spensieratezza. Impariamo a guardare con i loro occhi. Impariamo a porci tutte quelle domande senza aver paura di sbagliare. Impariamo a ricevere. Ad accettare la vita.

Guardiamoci intorno. Siamo immersi in un quadro che rappresenta la bellezza. Dobbiamo imparare ad andare oltre. Solo così troveremo la vita vera e la bellezza del mondo. Pochi hanno la forza di guardare oltre la realtà. Rari, la capacità di sognare l’impossibile e di renderlo reale.


Fontepixabay.com
Articolo precedenteAmy, la moglie che cercava una moglie per suo marito
Articolo successivoGli “utili” del tifo: da Kakà a Ibra, a Higuain
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole.Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente.Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo.A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano.Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione.Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…