Il restauro elemento indispensabile per la conservazione e valorizzazione dei beni architettonici

La tematica del restauro architettonico riguarda tutto il Belpaese, considerato non a torto uno scrigno di tesori mondiali incommensurabile. La nostra regione ha particolarmente a che fare con tale situazione, presentando molteplici elementi in questione, come, ad esempio, i centri storici. Il tema del restauro architettonico rappresenta una importante parte del corso di laurea in Architettura del Politecnico di Bari. Studi e ricerche, condotte nel Dipartimento di Scienze dell’Ingegneria Civile e dell’Architettura (dICAR) del Poliba, trovano applicazione in terra pugliese. In concomitanza con due eventi di livello internazionale, lo scorso 1° settembre sono state inaugurate due mostre, “Il restauro nel Politecnico di Bari, itinerari di ricerca per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio costruito” e “Il dICAR per la Puglia e la Terra di Bari, esposizione degli studi e delle ricerche nel settore del restauro”.

Si tratta di due manifestazioni, organizzate dal settore disciplinare del Restauro del dipartimento ICAR. La location della prima mostra è stata al Salone Internazionale del Restauro di Bari, presso la Nuova Fiera del Levante, dal giorno di inaugurazione fino al 3 settembre. In tale mostra sono stati ammirabili i risultati delle ricerche del Politecnico e del Dipartimento ICAR tenutesi nelle località pugliesi nelle quali sono stati firmati i protocolli d’intesa con le rispettive Amministrazioni Comunali; si ricordano, ad esempio, Altamura (BA) e Ascoli Satriano (FG). Degli esempi sono in tavole e disegni. Hanno partecipato Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di BR, LE e TA. La mostra persegue due finalità: la prima è di evidenziare la presenza di Restauro del dICAR nel territorio della nostra regione e la collaborazione con le Istituzioni della Puglia attive nel settore dei Beni Culturali al fine di ottenere una visione strategica per la protezione e la rivitalizzazione di patrimoni poco noti; la seconda è la promozione di progetti di formazione, conservazione e valorizzazione del patrimonio tramite accordi per quanto concerne le opere trascurate.

La mostra consta di tre sezioni, con tre itinerari di ricerca: “Architetture fortificate”, con la docente di Restauro Architettonico Rossella de Cadilhac. La mostra mira a rispondere a urgenti quesiti, del tipo: Quali sono le prospettive future di un patrimonio non sempre adeguatamente tutelato e valorizzato?

Secondo alcuni studiosi, elementi tipici del territorio pugliese, come le fortezze, abbiano perso la loro caratterizzazione a causa della mancanza della loro funzione originaria. Sono significativi dei casi studio che pongono il problema della conservazione e della rivitalizzazione, raggiungibili attraverso la diffusione della conoscenza e l’assicurazione di migliori condizioni, rispettando le caratteristiche dell’elemento e le richieste della comunità. Si ricordano i casi studio di vari castelli, come quello di Ginosa, elaborati nel Politecnico e citati in tesi di laurea di Architettura che hanno ricevuto un apposito riconoscimento. Il secondo percorso è stato il “sito di Ascoli Satriano” (FG), con il prof. Ignazio Carabellese, anch’egli avente a che fare con il Restauro Architettonico. Qui sono presentati i molteplici valori del territorio, partendo dall’origine romana di Ausculum, nel quale si ricordano eventi bellici e opere artistiche e architettoniche. La ricerca approfondisce l’esplorazione della città e delle opere edilizie più importanti; un esempio è il castello Marulli, che permette di conoscere le variazioni e le caratteristiche delle generazioni che qui si sono stabilite.

L’ultimo percorso è stato il “Restauro urbano”, con il prof. Giacomo Martines. Il tema è stato la valorizzazione dei contesti paesaggistici insediativi. Si ricordano gli estratti delle ricerche svolte grazie ad accordi quadro e convenzioni di trasferimento tecnologico convergenti sui siti di Gravina in Puglia (BA), Carosino (TA), Spinazzola (BAT) e centri urbani della Foce del Tevere (Roma). A Bari, per il “BiArch, il Festival Internazionale dell’Architettura di Bari”, tenutosi presso Palazzo Simi, c’è stata la seconda mostra, “Il dICAR per la Puglia e la Terra di Bari, esposizione degli studi e delle ricerche nel settore del restauro”, organizzata dal Dipartimento ICAR del Poliba, Dal 1° settembre al 20 settembre è possibile visitarla. L’obiettivo della mostra è ridare al territorio pugliese uno spaccato di ricerche e studi realizzati nel Poliba, permettendo ai pugliesi di comprendere l’importanza culturali del patrimonio regionale. Vi sono tre Sezioni che presentano alcuni temi di ricerca pregnanti del settore disciplinare: “Architetture degli Ordini Mendicanti”, con la prof. Rossella de Cadilhac; “Architetture religiose”, con il prof. Ignazio Carabellese; ‘’Centri Storici’’, con il prof. Giacomo Martines, che lavora nello stesso ambito dei suoi due precedenti colleghi. Anche in questo caso, per settore, ci sono numerosi siti e monumenti: quelli conventuali, per esempio, di Brindisi, Barletta e Trani; le chiese, come nel caso di Bari, Molfetta e Monopoli e i centri storici di Altamura, Gravina e Taranto. Si tratta sicuramente di una interessante iniziativa, che permette ai pugliesi non solo di conoscere e apprezzare meglio il vasto patrimonio culturale del quale dispongono, ma che insegna a doversene prender cura.


Articolo precedenteCosì andò
Articolo successivoStavamo meglio quando stavamo peggio
Nato a Bari nel 2003, vive e frequenta il Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci” a Bisceglie. Si definisce un amante delle materie scientifiche, pratica il calcio amatoriale e l’attività fisica e tifa per il Milan, per il quale nutre una autentica venerazione. Ama il mare e la campagna, il buon cibo e la vita all’aria aperta. Musicalmente preferisce ascoltare brani italiani, in special modo quelli di Ultimo e Tommaso Paradiso, ma ascolta anche brani stranieri, come quelli di Shawn Mendes e Bruno Mars. Non rinuncia mai ad una serata in compagnia di amici, specie se sono quelli con i quali è facile parlare di sport ma anche di altri piaceri come quelli de la bonne vie. Desidera viaggiare e visitare in particolare le città d’arte. Scrive per esternare le sue passioni.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.