Si intitola “Panni Sporchi per Martinengo” l’ultimo libro di Fabrizio Borgio che, attraverso tutti gli elementi del noir, racconta vicende familiari strettamente e mestamente legate all’annosa questione del caporalato:

Ciao, Fabrizio. Si può dire che il tuo libro nasca quasi per “sedimentazione”?

È corretto. Un termine che ho utilizzato in più occasioni per descrivere il processo creativo che porta alla nascita del libro. Non c’è mai una sola idea di base ma l’aggregazione di più spunti, inizialmente nati magari per altre storie.

Che differenza c’è tra il concetto di famiglia inteso come sentimento rispetto alla famiglia come istituzione?

Abissale. La famiglia come istituzione è una convenzione, un obbligo. Un’armatura morale che può divenire una camicia di forza. Il sentimento della famiglia è Amore. Semplice, puro e altruistico Amore.

Pur dipanandosi tra le Langhe e Monferrato, il noir tange anche la questione meridionale legata al caporalato. Tale condizione lavorativa è appannaggio solo del passato o è viva e fiorente anche nelle odierne dinamiche contrattuali?

Non è assolutamente retaggio del passato e non è solo una questione meridionale. È una realtà che si mimetizza nella selva contrattuale del mondo del lavoro, negli strati più bassi della povertà e dell’emarginazione. Come aveva previsto Eco nel suo saggio Il passo del gambero. Oggi vedo ben più di un passo…

I panni sporchi si lavano in casa?

Solo quando i problemi sono interni alla famiglia.


Articolo precedenteLemà sabactàni?
Articolo successivoTorna il teatro a Bisceglie: in scena la fiaba “HÄNSEL E GRETEL”
Miky Di Corato
Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Puglia, ho iniziato a raccontare avventure che abbattono le barriere della disabilità, muri che ci allontanano gli uni dagli altri, impedendoci di migrare verso un sogno profumato di accoglienza e umanità. Da Occidente ad Oriente, da Orban a Trump, prosa e poesia si uniscono in un messaggio di pace e, soprattutto, d'amore, quello che mi lega ai miei "25 lettori", alla mia famiglia, alla voglia di sentirmi libero pensatore in un mondo che non abbiamo scelto ma che tutti abbiamo il dovere di migliorare.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.