Viviamo la solitudine delle masse trafitte da individualismo isterico.

Per vivere la complessità della vita bisogna essere un po’ folli per non rischiare di diventare matti


FonteFoto di Rachel su Unsplash
Articolo precedenteLa complessità: un pensiero delle radici sulla scia di Simone Weil
Articolo successivoIl “Topos” malato della nostalgia…
Figlio del Salento, abitante del mondo, esploratore della conoscenza. Laurea in Scienze Biologiche, Dottorato di Ricerca in Scienze e Tecnologie Cellulari alla Sapienza Università di Roma e Research Fellow presso la Harvard University di Boston (USA) dal 1996 al 2000. Attualmente è professore ordinario di Istologia, Embriologia e Biotecnologie Cellulari presso l'Università di Roma "La Sapienza". Le sue ricerche hanno portato ad importanti risultati pubblicati su riviste scientifiche internazionali tra cui Nature, Nature Genetics, Nature Medicine, Cell Metabolism, PNAS, JCB. Da diversi anni è impegnato nella divulgazione scientifica; è coordinatore delle attività di divulgazione scientifica dell'Istituto Pasteur-Italia ed è direttore scientifico della manifestazione “Festa della Scienza” che si svolge annualmente in Salento (Andrano-LE). Il suo motto: appassionato alla verità e amante del dubbio.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here