Vivere da risorti: percorso esistenziale-spirituale aperto a tutti

Riceviamo e pubblichiamo:

Il Movimento dei Cursillos di Cristianità (MCC) dell’Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie, in collaborazione con la Parrocchia Santa Maria della Vittoria in Barletta ha pensato in questo tempo favorevole verso Pasqua di proporre un itinerario di 6 incontri, aperti a tutti, di carattere esistenziale-spirituale per alimentare una spiritualità di Risurrezione. Gli incontri si terranno ogni martedì dal 3 marzo alle ore 18.45.

Il percorso di riflessione dialogica, che prevede dei dibattiti con i vari relatori che interverranno, intende corrispondere all’invito di Papa Francesco di  vivere il tempo favorevole del cammino verso la Pasqua dedicandosi  ad una sana ecologia del cuore facendo spazio alla Parola di Dio che si incarna nella storia quotidiana di ogni uomo.

A tal proposito il Pontefice nel messaggio della Quaresima di quest’anno nel presentare questo tempo propizio verso la Pasqua di Risurrezione dichiara che «È il tempo per rinunciare a parole inutili, chiacchiere, dicerie, pettegolezzi, e parlare e dare del “tu” al Signore. È il tempo per dedicarsi a una sana ecologia del cuore, fare pulizia lì. Viviamo in un ambiente inquinato da troppa violenza verbale, da tante parole offensive e nocive, che la rete amplifica. Oggi si insulta come se si dicesse “Buona Giornata”. Siamo sommersi di parole vuote, di pubblicità, di messaggi subdoli. Ci siamo abituati a sentire di tutto su tutti e rischiamo di scivolare in una mondanità che ci atrofizza il cuore e non c’è bypass per guarire questo, ma soltanto il silenzio. Fatichiamo a distinguere la voce del Signore che ci parla, la voce della coscienza, la voce del bene. Gesù, […] ci invita a prestare ascolto a quel che conta, all’importante, all’essenziale. Al diavolo che lo tentava rispose: «Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio» (Mt 4,4). Come il pane, più del pane ci occorre la Parola di Dio, ci serve parlare con Dio: ci serve pregare. Perché solo davanti a Dio vengono alla luce le inclinazioni del cuore e cadono le doppiezze dell’anima».

Gli organizzatori, Mons. Leonardo Doronzo, Amministratore della parrocchia Santa Maria della Vittoria, Antonella Loffredo, Coordinatrice diocesana e don Emanuele Tupputi, animatore spirituale del MCC, esortano a vivere con apertura d’animo questo momento di confronto e rivolgendosi a quanti si sentono lontani da Dio e dalla Chiesa, facendo proprie le parole di Papa Francesco, dichiarano: «a tutti quelli che si sentono lontani da Dio e dalla Chiesa “a quelli che sono timorosi e indifferenti: il Signore chiama anche te, ti chiama ad essere parte del suo popolo e lo fa con grande rispetto e amore!” (Evangelii Gaudium, 113). Il Signore ti chiama. Il Signore ti cerca. Il Signore ti aspetta. Il Signore non fa proselitismo, dà amore, e questo amore ti cerca, ti aspetta, te che in questo momento non credi o sei lontano. E questo è l’amore di Dio» (Papa Francesco, Angelus del 6 gennaio 2014).


Articolo precedenteL’essere umano si imbarazzi
Articolo successivoFerita ed armonia
Redazione
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole.Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente.Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo.A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano.Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione.Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…