«Un punto vidi che raggiava lume 
acuto sì, che ‘l viso ch’elli affoca 
chiuder conviensi per lo forte acume»

(Paradiso XXVIII, vv.16-18)

Un punto. È sempre un punto quello che fa la differenza. È l’istante che decide della durata.

Ne sono convinto.

Le circostanze che ci coinvolgono, quelle in cui bisogna prendere una scelta, destra o sinistra, avanti o indietro, mollare o resistere, beh, quelle circostanze sono più meno le stesse per tutti, o almeno per tanti.

Ma la differenza la fa solo un punto. Quello in cui decidi e ti decidi. E fai la storia: la tua storia, ma anche quella di chi, a cerchi concentrici, si relaziona con te e attorno a te.

Ecco, in questo ventottesimo canto Dante ci descrive a modo suo, così lontano dal nostro, l’ordine dei cerchi angelici: Serafini, Cherubini, Troni, Dominazioni, Virtù, Potestà, Principati, Arcangeli e Angeli. Un ordine che si vuol far risalire alle visioni di San Paolo, che fu ripreso da Dionigi l’Aeropagita e che Gregorio Magno alterò per errore – e con Gregorio anche Dante nel Convivio.

Una fantasmagoria che, francamente, non mi seduce.

Invece, mi attrae, come una calamita attira polvere di ferro, una terzina che precede la narrazione:

«Un punto vidi che raggiava lume
acuto sì, che ‘l viso ch’elli affoca
chiuder conviensi per lo forte acume»

(Paradiso XXVIII, vv.16-18)

Vidi un punto che irradiava una luce tanto forte che è necessario tener chiusi gli occhi che ne sono accecati: è più o meno questo il senso di questi versi e questi sì che mi scaldano il cuore. Perché mi riportano al punto. Quello in cui ciascuno di noi decide se essere giorno o notte, foschia o stella, pugno chiuso o mano aperta, cuore che batte o vento gelido.

Quel punto, infinitesimale, luminosissimo e circondato da un alone fiammeggiante, in questo ventottesimo canto è Dio stesso, da cui depende il cielo e tutta la natura (v.42).

Nondimeno, lo ribadisco, a me sta a cuore il punto impercettibile che si nasconde in me e in te, in ognuno di noi, e che ci fa scegliere se essere pro o contro. Ci fa urlare al buio o seminare luce: a fondo perduto.

Qual mistero è quello che si nasconde nel mio e nel tuo punto? Cosa fa sì che a quella luce ci apriamo o ci opponiamo? Quanto vorrei scoprirlo.

E invece no: non resta che accogliere. Il cammino è quello che si fa, non si disegna. Disdegna i programmi e ci sorprende ad ogni svolta. In attesa del varco, come nella Casa dei doganieri, dove c’è chi va e chi resta.

Nondimeno, c’è un punto. E in quel punto ci decidiamo. Io e tu.

Che sia luminoso il tuo andare.

Marco Ercolani: «A quale età si osserva meglio la luce?».

Elisabeth Kubler Ross: «Le persone sono come le vetrate. Scintillano e brillano quando c’è il sole, ma quando cala l’oscurità rivelano la loro bellezza solo se c’è una luce dentro».

Ruth E. Renkel: «Non abbiate mai paura dell’ombra. È lì a significare che vicino, da qualche parte, c’è la luce che illumina».


FonteFoto di copertina: pixabay.com liberamente reinterpretata da Eich
Articolo precedenteOlimpiadi. Monaco 1972
Articolo successivoThe Human Show
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba. Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.