«Occhio per occhio… e il mondo diventa cieco»

(Gandhi)

Caro lettore, adorata lettrice,

questo caffè esce alla vigilia del 27 gennaio, la Giornata della memoria.

Di giornate tristi e memorabili, in verità, ce ne sarebbero tante altre, e tutte per giusta ragione, ma non v’è dubbio che la giornata dedicata alla Shoah – nonché allo sterminio di omosessuali, zingari, persone disabili, testimoni di Geova, preti e pastori cristiani, oppositori politici, prigionieri di guerra, tutti morti attraverso ciminiere naziste… – ha il merito di riuscire a scuotere, almeno un giorno all’anno, la coscienza civile del nostro Paese.

Appunto: almeno un giorno all’anno. Il fatto è che ci sono altri 364 giorni in un anno e non che è lavarci la coscienza per un giorno ce la renda meno sporca in tutti gli altri. Perché l’impressione è appunto questa: un repulisti una tantum e poi… “dente per dente”: «Va tutto ben, madama la marchesa!».

E no, che non va bene. Non va bene l’indifferenza, mia e tua, non va bene il voltarsi dall’altra parte, non vanno bene le tre scimmiette del “non vedo, non sento, non parlo”.

«Odio gli indifferenti», scriveva Gramsci. Amo chi prende parte, ripeto a modo mio. Amo chi si schiera, specie se dalla parte del più debole, amo chi non riesce a star zitto, amo Pinocchio che ascolta la fastidiosa e insopprimibile voce del grillo parlante.

E amo chi sa perdonare. Se stesso e gli altri: gli altri, tanto più perché consapevole di dover innanzi tutto perdonare se stesso. È una convinzione che nutro da tempo: chi si vanta di non aver nulla da perdonarsi, è anche colui che è intransigente con il prossimo; chi è consapevole delle sue ferite, inferte e subite, dei suoi errori, delle sue manchevolezze, è meno propenso a puntare l’indice.

Manchevolezze: un’altra parola che meriterebbe la tua e mia riflessione. Quando ci si vuole giustificare, si fa presto a dire: «Ma io non ho fatto nulla di male». La domanda è: «Siamo nati per non fare del male o per fare del bene?». Perché, ammesso e non concesso – del tutto non concesso! – che sia vero che tu ed io abbiamo “la coscienza a posto”, non mi pare che la felicità della nostra esistenza ruoti su ciò che “non facciamo” piuttosto che su quanto scegliamo, amiamo, vogliamo: e mettiamo in atto.

Nessuno si salva da solo, recita un noto titolo di Margaret Mazzantini. Mi ricorda la regola d’oro, che prediligo: «Fai agli altri ciò che vuoi che venga fatto a te». E non mi pare che alcuno di noi voglia restare cieco.

Caro lettore, adorata lettrice, auguro a te, e a me, di vivere con gentilezza questo giorno: e tutti gli altri giorni dell’anno! Proprio come suggerisce il Dalai Lama: «Sii gentile quando possibile. È sempre possibile».

LEGGI I TUOI CAFFÈ COL DIRETTORE

Clicca sul link per acquistare Ti racconto, se vuoi


FontePhotocredits: designed by Eich
Articolo precedenteUn minuto per restare con se stessi e ricordare
Articolo successivoPer la sola colpa d’essere nati…
Paolo Farina
La mia fortuna? Il dono di tanto amore che, senza meriti, ricevo e, in minima parte, provo a restituire. Conscio del limite, certo della mia ignoranza, non sono mai in pace. Vivo tormentato da desideri, sempre e comunque: di imparare, di vedere, di sentire; di viaggiare, di leggere, di esperire. Di gustare. Di stringere. Di abbracciare. Un po’ come Odysseo, più invecchio e più ho sete e fame insaziabili, che mi spingono a correre, consapevole che c’è troppo da scoprire e troppo poco tempo per farlo. Il Tutto mi asseta. Amo la terra di Nessuno: quella che pochi frequentano, quella esplorata dall’eroe di Omero, ma anche di Dante e di Saba.Essere il Direttore di "Odysseo"? Un onore che nemmeno in sogno avrei osato immaginare...

2 COMMENTI

  1. Buongiorno, ripeto sempre ai miei figli, mettetevi sempre nei panni di chi subisce e non fare agli altri, quello che non si vorrebbe venisse fatto a te.
    Un sorriso, una parola gentile, un abbraccio non hanno prezzo.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.