Vedi Napoli e poi muori. Ma no, campi ‘na bellezza

Ogni tanto noi si va a Napoli. Così. È cominciata per caso, è divenuto gioco e ci è piaciuto così tanto da essere un impegno preciso. Puoi tranquillamente bidonare altro ma a tirarti indietro a Napoli si fa peccato.

La ragione? Non c’è e se c’è è nascosta. A scimmiottare Ozpetek è Napoli velata.

La città vicina da raggiungere anche in giornata offre un ventaglio di opportunità appunto da città. Noi cominciamo col caffè che è buono assai e già il cielo si apre. A Napoli non piove mai e se proprio quattro gocce scendono dal cielo senti le note di Pino Daniele. Il Vesuvio sentinella pare un avamposto che fin tanto che fa il bravo sembra bravo e a non fumare si fa bene, tutti vulcani inclusi.

Poi la gente. Il calore umano ti prende allo stomaco, l’accento lagnoso e dolce entra nelle viscere da farti sorridere e ringraziare. Grazie po cielo e po mare, grazie per gli amici e la famiglia. Grazie che sto a Napoli.

Poi l’arte. Chiese e musei, sacro e profano, colore folcloristico anche nel dolore e nella fede. San Gennaro amatissimo che è nu wagnriddche chiamano familiarmente Gennarì. San Giuseppe Moscati che sereno fa il medico da santo. Il Cristo Velato che non è una statua ma un defunto vero e tu zitto e fermo a rendergli omaggio. Capodimonte che sovrasta. Le vie lunghe come autostrade che appunto spaccano la città e in fondo una chiesa.

I quartieri sono microcosmi e basta girare un secondo dai lustrini di via Toledo e via Chiaia e sei nei quartieri spagnoli. Cambia la flora e la fauna come pure la nazionalità. Un passo in là e il mercato di Pignasecca sembra Medio Oriente o un modernissimo street food. Il Maschio è la virilità di un maniero. Il San Carlo un teatro tra gli spettacoli di strada. L’amante è o malamend. Scendi giù nei sotterranei antichi e trovi la metrò più bella d’Europa.

A questo punto vien fame e come rinunciare a pizze storiche di locali storici o piatti della cucina povera in posti dove oltre ai tavoli di marmo hanno mantenuto il buon uso di accogliere i commensali anche sistemandoli agli stessi tavoli.  Signo’ vulite?E noi vulimmpure o babà e a sfogliatella e a riccia. E un’altra tazzurella e cafèmagari sospeso, che non è perché non si paga, ma perché porta buono. Perché rimaniamo cattolici e nella superstizione non ci crediamo, ma e se fosse vero? Abundandis abundandum, alla Totò.

E così ti perdi nella musica dei balconi coi panni appesi, un Pulcinella disastrato, una tammurriata nera, un sorriso triste di Troisi, mille corni rossi appesi, il bue e l’asinello con gli occhi di vetro che volevo per la natività a casa perché me piace ò presepe.

Volete uno sconto? Disse la commessa di Marinella mentre mostrava le cravatte dei politici “al limite te posso fà una coccola”.

A chi non piacciono le coccole. La luna rossa è sorta anche stasera e noi domani si ricomincia sempre da tre.

Così vedi Napoli e poi muori. Ma no, campi ‘na bellezza.

Lo sanno tutti, campioni compresi. Napul’è pure Diego Armando Maradona e questi giorni il grande cuore partenopeo pulsa di più. Niente spiegazioni, ad amare si riesce solo amando.


LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.