Bari, 3 ottobre ore 17,30 – Ist. Redentore, Bari 

A 7 anni dalla strage di Lampedusa, in cui morirono 366 migranti, il 3 ottobre si celebra la Giornata nazionale delle vittime dell’immigrazione. Per ricordare i migranti che hanno perso la vita – o che la perdono oggi, nel mar Mediterraneo, cercando di raggiungere l’Europa – a Bari si è costituito un “Comitato 3 ottobre” cui aderiscono 28 associazioni e movimenti pugliesi. 

Il neo-nato Comitato era sorto, la scorsa estate, per promuovere a Bari un seminario e altre mobilitazioni sulle migrazioni e sulle possibilità di costruire un’Europa e un’Italia capaci di accogliere e garantire diritti. La pandemia ha costretto un rinvio di questo evento ma, considerata l’importanza della Giornata in memoria delle vittime dell’immigrazione, il Comitato 3 ottobre organizza il 3 ottobre 2020, alle 17,30, un incontro su “Mare nostro, naufraghi senza volto”: un pomeriggio di approfondimento, ascolto, dialogo su migranti, migrazioni, porti aperti e porti da aprire. 

Saranno presenti don Gianni De Robertis (direttore Migrantes), Erminia Rizzi (Asgi – Associazione Studi Giuridici sull’Immigrazione), Azmi Jarjawi (CGIL Puglia). Nel corso del pomeriggio Maurizio Moscara, autore del libro omonimo “Mare nostro” (ed. la meridiana 2020) dialoga con il prof. Giovanni Capurso. E le riflessioni e gli approfondimenti proposti saranno intervallati da ascolto di letture e testimonianze a cura di Squola “Penny Wirton” Bari e di “Sfruttazero” (modera: don Francesco Preite). Perché vita e diritti si sposano. Sempre. Senza distinzione di razza e cultura, paesi di provenienza e storie. 

L’appuntamento è, dunque, il 3 ottobre alle 17.30, presso il cortile dell’oratorio del Redentore di Bari (Via Martiri d’Otranto, 65). Al dibattito seguirà la partecipazione – su prenotazione e acquisto dei biglietti in prevendita – del concerto dei Radioderwish & Oles, Orchestra sinfonica di Lecce e Salento, oppure cena presso il Bistrot multietnico Ethnic Cook (sempre dietro prenotazione). 

I docenti che parteciperanno al nostro incontro e poi al concerto potranno richiedere un attestato di partecipazione valido ai sensi di legge (si prega di segnalare al momento della richiesta). 

In considerazione delle norme vigenti a tutela della salute personale e pubblica, si prega di segnalare la propria presenza con mail da inviare a: [email protected] e di giungere muniti di mascherina e gel mani. Ad esaurimento dei posti predisposti, non sarà più possibile accedere nel luogo dell’incontro. 

Info e prenotazione: [email protected] 

 


Articolo precedenteL’educazione civica, fondamento del senso di comunità
Articolo successivoVerso una subdemocrazia delle solitudini?
Redazione
Chi siamo? Gente assetata di conoscenza. La nostra sete affonda le radici nella propria terra, ma stende il proprio orizzonte oltre le Colonne d’Ercole.Perché Odysseo? Perché siamo stanchi dei luoghi comuni, di chi si piange addosso, di chi dice che tanto non succede mai niente.Come? I nostri “marinai/autori” sono viaggiatori. Navigano in internet ed esplorano il mondo. Sono navigatori d’esperienza ed esperti navigatori. Non ci parlano degli USA, della Cina, dell’Europa che hanno imparato dai libri. Ci parlano dell’Europa, della Cina, degli USA in cui vivono. Ci portano la loro esperienza e la loro professionalità. Sono espressioni d’eccellenza del nostro territorio e lo interconnettono con il mondo.A chi ci rivolgiamo? Ci interessa tutto ciò che è scoperta. Ciò che ci parla dell’uomo e della sua terra. I nostri lettori sono persone curiose, proprio come noi. Pensano positivo e agiscono come pensano.Amano la loro terra, ma non la vivono come una prigione.Amano la loro terra, ma preferiscono quella di Nessuno, che l’Ulisse di Saba insegna a solcare…

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.