Gli eventi positivi ti mettono sotto pressione, senti di non meritarli…

Siamo tutti, forse erroneamente, portati a considerare solo i traumi negativi, mentre da non sottovalutare sono soprattutto i traumi positivi.

Gestire la felicità o, come la definiscono gli psicologi più contenuti, la “serenità”, credetemi è il lavoro più difficile al mondo.

Non è un caso che la maggior percentuale di “impazziti” risieda tra i vincitori della lotteria. Persino il filosofo Anassagora sosteneva che la neve fosse nera, a dimostrazione di quanto sia complicato apprezzare la bellezza del presente, ma terribilmente umano preoccuparsi del futuro.

Gli eventi positivi ti mettono sotto pressione, senti di non meritarli, li ponderi come limitati e poco duraturi. Siamo contagiati così tanto dalle vecchie esperienze da evitarne di nuove, dimenticando che in Natura tutto migliora e progredisce.


FontePhoto by MI PHAM on Unsplash
Articolo precedenteI LUPI ALLA PORTA
Articolo successivoDue corti contro omofobia e solitudine
Iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Puglia, ho iniziato a raccontare avventure che abbattono le barriere della disabilità, muri che ci allontanano gli uni dagli altri, impedendoci di migrare verso un sogno profumato di accoglienza e umanità. Da Occidente ad Oriente, da Orban a Trump, prosa e poesia si uniscono in un messaggio di pace e, soprattutto, d'amore, quello che mi lega ai miei "25 lettori", alla mia famiglia, alla voglia di sentirmi libero pensatore in un mondo che non abbiamo scelto ma che tutti abbiamo il dovere di migliorare.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.