Il bando sarà aperto dal 31 Marzo 2021 al 28 Maggio 2021

Il 16 febbraio 2021, a distanza di 11 anni dall’ultima selezione, l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) lancia una nuova campagna per reclutare astronauti e astronaute colmi di voglia di visitare lo spazio. I futuri cittadini della luna lavoreranno al fianco dell’attuale classe del corpo astronautico. Tra i più noti Luca Parmitano e Samantha Cristoforetti, la quale durante la promozione dell’iniziativa , si è così espressa: ”Diventare astronauta è stato un sogno che si è avverato”.

L’invito è aperto a individui di ogni sesso, ed un caloroso incoraggiamento è rivolto proprio alle donne per espandere la diversità di genere tra le sue fila e per avviare un cambio generazionale, come cita Jan Wörner (numero uno dell’Agenzia Spaziale Europea). L’innovazione più grande però, è data dal nuovo programma ”Parastronaut feasibility project” con il quale si dona la possibilità ad una persona con un certo grado di disabilità, di unirsi al corpo astronautico. Già in passato erano stati messi in atto degli apposisti programmi per individui disabili, ma si riducevano alla mera messa in pratica di voli a gravità zero. Questo progetto punta, invece, all’accreditamento di ogni tipo di attività nel ruolo ricoperto dalla persona affetta da disabilità. Lo stesso Jan Wörner, a tal proposito, dichiara: ”La diversità non deve fare riferimento solo a origine, età, bagaglio culturale o genere dei nostri astronauti, ma anche disabilità fisiche”.

Come candidarsi:

Il bando sarà aperto dal 31 Marzo 2021 al 28 Maggio 2021, saranno prese in considerazione solo le candidature effettuate tramite la pagina web ESA Career. Seguirà una fase di selezione che prevede il superamento di 6 stadi e la conclusione è prevista per l’ottobre del 2022. Solo dopo inizierà l’addestramento base che durerà un anno presso il centro a cui sono assegnati i candidati, sempre tenendo conto della situazione Covid-19.

Inoltre, è stato creato un apposito sito online che contiene tutte le informazioni relative al bando, requisiti, calendario di selezione, panoramica delle attività che si svolgeranno nello spazio etc.

Naturalmente è stata stipulata una lista di requisiti minimi, alla quale fare riferimento prima di iscriversi al bando. Dunque si richiede: età massima di 50 anni (preferibilmente in fascia tra i 27 e i 37 anni), cittadinanza di un paese membro dell’ESA, la conoscenza dell’inglese e di almeno un’altra lingua a scelta, un buon stato di salute certificato da un ente accreditato da un’autorità nazionale dell’aviazione ed il conseguimento di una Laurea in materia scientifica.

Il requisito più importante? Aver voglia di andare oltre le nuvole!


Articolo precedenteGIFTED: alla scoperta dell’alto potenziale
Articolo successivoNel buio, un sorriso (Inferno, XVII)
Simona Lomoro
Sopravvissuta alla tempesta che la vita mi ha scatenato addosso. Mi piace pensare che ''anche se la felicità dovesse dimenticarsi di noi, noi non dobbiamo mai dimenticarci di lei fino all'ultimo dei nostri giorni'', come insegna il maestro Roberto Benigni. Studentessa di Scienze del Servizio Sociale, ho ancora molte cose da scoprire, ma una cosa la so per certo: scrivere mi dà la possibilità di mettere nero su bianco le emozioni, i pensieri, le conoscenze nascoste dentro di me e trovo non ci sia cosa migliore che metterle al servizio degli affamati di sapere. Amo viaggiare perché riconosco che non ci sia fonte migliore di quella che si tocca con mano propria per ampliare mente ed orizzonti.

LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.