Magari a colori…

La vita è come un film che viene proiettato, se si desidera cambiarla, non serve cambiare città o ambiente, basta cambiare la proiezione. È come un giradischi che manda la musica dei nostri ricordi; se vogliamo altro, bisogna cambiare il disco delle scelte.
Non sono i luoghi a cambiarci, ma i pensieri e i sentimenti che proviamo.
Il film della esistenza è generato dai fotogrammi delle nostre percezioni mentali ed affettive, che scorrono velocemente, definendo le nostre decisioni.
È il frutto delle nostre innumerevoli scelte a indicare il gradimento critico di una vita buon riuscita.

Nonostante ciò, cercare contesti di luce contribuisce tantissimo a star bene; meglio una vita di colori che una vita grigia.
Quante verità, non a caso, abbiamo da imparare dalla cromoterapia; i colori infatti si compenetrano dentro di noi, stimolando, luminosamente, pensieri e desideri. Siamo un arcobaleno di colori, ma con infinite sfumature.
Accanto ai colori, che danzano attraverso i nostri occhi, vivono nel nostro intimo i suoni, pastelli di onde che dipingono meraviglie per le nostre orecchie. Siamo anche ciò che ascoltiamo.
Essere lontani dai rumori, per ascoltare musica e i suoni della natura, ridona serenità e armonia.

Una vita che si nutre di buona musica è portatrice di entusiasmo. L’attenzione ai suoni della natura si trasforma nella capacità di saper leggere dettagli e particolarità che, per lo più, ai tanti sfuggono.
Non è un caso infatti che esista la musicoterapia, cocktail armonico di suoni naturali e musicalità, scienza che ricorda come tali ingredienti siano fonte di guarigione per mente e anima.
Quanto bene fa poi stare al sole, come insegnavano i romani (elioterapia), e con animali (pet terapy); esempi di cure ci sono con i cavalli (ippoterapia), con gli asini (onoterapia). Stare con animali come i cani aiuta a combattere ansia e depressione.
Che dire poi dei benefici dei boschi, del giardinaggio e del passeggiare in mezzo alla natura.
Una vita armonica, con il creato, attraverso piante e animali, è tale prima di tutto quando si è in pace con se stessi. Risulta dunque fondamentale la riflessione e la meditazione.

Tanta logica, tanta riflessione è infatti sprecata dalle distrazioni. Bisogna imparare a concentrare i pensieri, a canalizzarli per giungere a dei benefici. È come fare confluire i raggi del sole attraverso una lente che può bruciare carta e legno.
I pensieri positivi sono fuoco di vita, quando sono uniti, trasformano la vita in meglio, così come il fuoco può cambiare ciascuna sostanza in cenere e morte.
I pensieri sono dunque vita e morte. Come nutriamo il corpo per il nostro benessere fisico, va nutrito il cuore e la mente con emozioni, sentimenti e pensieri di bene. La verifica di tale itinerario?
La pace,  non la nostra, ma quella di chi ci sta più vicino.
Chi genera pace e serenità altrui, donando tranquillità e benessere, può essere colui che la possiede in verità e autenticità.

Bisogna amarsi amando gli altri. È il desiderio e l’impegno della felicità altrui che la genera per se stessi, è l’accrescimento al sapere sociale che rende gli altri migliori a dirci che siamo nel bene. Arricchire gli altri porta ad arricchire se stessi. È facendo il bene che si accresce il proprio bene personale, ciò partendo in prima analisi da se stessi.


LASCIA UNA RISPOSTA

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.